Qualità dell’aria, Cattaneo: sentenza Corte europea giustizia non sorprende

sentenza corte giustizia qualità aria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Lombardia da sempre impegnata con misure antismog”.

“Attendiamo incontro con ministero Ambiente. Non pervenuta prima tranche da 15 milioni”

“La sentenza della Corte europea di Giustizia in tema di qualità dell’aria sul superamento dei limiti di Pm10 non è certamente una sorpresa. La notizia è spiacevole, ma sapevamo da tempo che la Commissione Europea aveva sollevato il fatto alla Corte di Giustizia. Come ha recentemente fatto anche per il Pm2.5 e come ha fatto da tempo per gli ossidi di azoto”.

Così l’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo commenta la sentenza della Corte di Giustizia europea sulla qualità dell’aria.

Gli uffici tecnici della Regione Lombardia hanno fatto una prima lettura della sentenza.

Al momento non sono previste sanzioni per l’Italia, ma si prende atto che c’è stato un superamento sistematico, senza tuttavia valutare il caso specifico del Bacino padano né gli importanti risultati conseguiti in Lombardia con riduzioni pari al doppio della media europea.

Lavoro di lungo corso

“Ricordo che Regione Lombardia ha cominciato a lavorare su questi temi a partire dagli anni ’80 – spiega Cattaneo – ed è stata la prima regione ad approvare un Piano per la Qualità dell’Aria nel 1998, aggiornato nel 2007 e la prima ad approvare nel 2013 un Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell’Aria (PRIA) e aggiornato nel 2018″.

“Devo constatare con sorpresa e con rammarico – stigmatizza l’assessore regionale – come ci sia un fuoco di fila da parte di rappresentanti del M5S, che dichiarano che da quando sono loro al governo tutto è cambiato”.

“La realtà – chiarisce l’assessore Cattaneo – però è diversa. Negli ultimi tre anni da quando il M5s è al Governo ed esprime il Ministero dell’Ambiente non possiamo certo dire che a tutela della qualità dell’aria ci siano stati particolari slanci e novità. Quali sono i fatti che documentano tutta questa attenzione alla qualità dell’aria da parte del M5s? Sul territorio non li stiamo vedendo, ma al contrario vediamo solo la propaganda”.

Rispettare gli impegni

“Ricordo infatti che il Governo – dice ancora Cattaneo – aveva assunto degli impegni anche di Fronte alla Commissione Europea. Ciò in occasione del ‘Clean Air Dialogue’ che si è tenuto a Torino a giugno 2019. Impegni che poi, però, non ha onorato”.

“Siamo ancora in attesa del trasferimento alla Lombardia della prima tranche da 15 milioni di euro per il 2020 – prosegue l’assessore all’ambiente – che sono stati stanziati un anno e mezzo fa, ma non sono ancora stati erogati e che integrati con risorse regionali ci permetterebbero di aprire un bando per la sostituzione die veicoli più inquinanti”.

Sollecitato incontro

“La verità è che questo Governo sul fronte della tutela della qualità dell’aria – conclude non ha certamente brillato e le Regioni. In particolare quelle del Bacino Padano che collaborano tra loro dal 2005, e che nel 2017 hanno rinnovato un accordo di politiche comuni, continuano a denunciare una difficoltà di colloquio e di confronto su queste politiche. E abbiamo sollecitato un incontro con il ministro, che attendiamo da tempo ancora pochi giorni fa”.

ben

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Move In area b
Regione antepone concretezza a scelte ideologiche di Milano “È davvero paradossale che il sindaco Sala si lamenti con la
area B move in
Crisi economica e scarsa comunicazione alla base della proposta di Regione "Abbiamo chiesto al Comune di Milano, alla luce della crisi energetica e socio-economica e di una comunicazione c ...
raccolta differenziata Lombardia
Solo lo 0,05% dei rifiuti conferito in discarica: cento volte meno di quanto avviene nei Paesi europei più avanzati Nel 2020 la
area b milano
 Grazie alla 'black box' della Regione, oltre 5.000 veicoli diesel euro 4 e 5 dal 1° ottobre potranno continuare a circolare in Area B di Milano Sono già oltre 5.000 le adesioni a MoVe- ...
balneazione sperimentale lago Varese
I dati rispettano tutti parametri Il 31 agosto 2022 si conclude il periodo sperimentale di apertura della balneazione su due punti del Lago di Varese, alla Schiranna e a Bodio Lomnago. Il ...
Presenza del lupo
L’esodo estivo per molti ha preso la strada delle montagne, che rappresentano ben il 41% del territorio della nostra bella Regione. Dove il vero va ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima