Forze dell’Ordine e Armate gratis sui mezzi Tpl per garantire più sicurezza

sicurezza mezzi Tpl
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Terzi: investimento di Regione per tutelare utenti e personale di bordo

Uno stanziamento di 6,1 milioni di euro per consentire agli appartenenti alle Forze dell’Ordine di circolare gratuitamente sui mezzi del Tpl lombardo, così da garantire maggiore sicurezza. Lo prevedono le delibere della Giunta regionale approvate su proposta dell’assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, di concerto con l’assessore Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Romano La Russa.

Terzi: misura a tutela dei passeggeri

“Abbiamo messo in campo – evidenzia Terzi – agevolazioni per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine. I quali, anche se fuori servizio, si sono resi disponibili a intervenire in caso di necessità in cambio della possibilità di spostarsi gratuitamente. La misura è a tutela dei passeggeri ma anche del personale di bordo. Anche nel 2023 dunque Regione Lombardia garantirà queste agevolazioni che si traducono in uno stanziamento rilevante ma necessario. Ringrazio come sempre gli appartenenti alle Forze dell’Ordine alle Forze Armate per quanto hanno fatto e per quanto faranno a beneficio della sicurezza collettiva”.

La Russa: agenti in borghese particolarmente utili

“La sicurezza sui mezzi pubblici – aggiunge La Russa – si garantisce anche con questo provvedimento. Misura che si unisce ad altre introdotte da Regione a supporto dell’attività delle Forze dell’Ordine e del personale ferroviario. Gli agenti in borghese garantiscono maggiore sicurezza ai viaggiatori e in passato la loro attività è stata particolarmente utile”.

Il protocollo d’intesa

La delibera dà attuazione al protocollo d’intesa tra Regione Lombardia, i Comuni affidanti i servizi di trasporto pubblico locale, i rappresentanti dei corpi delle Forze dell’Ordine, delle associazioni di trasporto pubblico regionale e locale della Lombardia A.n.a.v. (Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori), A.s.s.t.r.a. (Associazione Trasporti) e A.g.e.n.s. (Agenzia Confederale dei Trasporti e Servizi), nonché delle aziende Trenord e Navigazione Lago d’Iseo. Come l’anno scorso, inoltre, le Forze Armate (Esercito italiano, Marina militare, Aeronautica militare) potranno continuare a spostarsi gratuitamente sui treni del servizio ferroviario regionale.

Le condizioni dell’iniziativa

Gli agenti delle Forze dell’Ordine i cui comandi di appartenenza sono situati sul territorio della Regione Lombardia per usufruire della circolazione gratuita devono inderogabilmente, di propria iniziativa, presentarsi al personale di bordo. Ed esibire il tesserino personale di riconoscimento o il distintivo di appartenenza al Corpo, al momento della salita su un mezzo o un convoglio Tpl. Indicando anche la tratta percorsa e l’ubicazione a bordo del mezzo. Sono evidentemente tenuti a mostrare il tesserino di riconoscimento anche al personale preposto ai controlli che ne faccia richiesta. Coloro che non osservano queste modalità di accesso saranno considerati privi di titolo di viaggio valido. Dunque soggetti alle sanzioni previste per legge.

Assistenza al personale di bordo

Gli agenti che viaggiano sui servizi dotati di sistemi di bigliettazione elettronica, dovranno esibire il proprio tesserino di riconoscimento, al personale preposto per l’apertura del varco e richiedere, a propria cura e spese, alla competente Azienda di trasporto il rilascio di apposita tessera elettronica. Gli agenti delle Forze dell’Ordine, a richiesta, devono fornire assistenza al personale di bordo in caso di necessità di accertamento di identità o per interventi di ripristino dell’ordine pubblico.

Tesserino di riconoscimento

Confermata la circolazione gratuita su tutti i treni del servizio ferroviario regionale degli appartenenti ai corpi delle Forze Armate dei Comandi situati sul territorio della Regione Lombardia ed in attività di servizio. Sia in divisa che in abiti civili, a condizione che esibiscano il tesserino personale di riconoscimento o il distintivo di appartenenza al Corpo. Indicando la tratta percorsa e l’ubicazione a bordo. Anche per loro vale l’obbligo di mostrare il tesserino di riconoscimento anche al personale che ne faccia richiesta, per non essere considerati a tutti gli effetti privi di titolo di viaggio valido. Dunque soggetti alle sanzioni previste per legge.

doz/mac

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

aggressione giornalista carcere opera
Gesto grave e inqualificabile, ulteriore alert per situazione preoccupante "Un gesto grave, preoccupante e inqualificabile". Così il
progetti emblematici bergamo
Sono sei i Progetti Emblematici 2022 selezionati da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia per la provincia di Bergamo, iniziative di altissimo valore sociale a cui sono destinati ...
Giorno Memoria varese
Il presidente della Regione Lombardia prendendo parte a Varese, a Palazzo Estense ...
sala giunta lombardia roberto maroni
"Instancabile uomo politico e delle istituzioni, sensibile artista, Presidente di Regione Lombardia dal 20 ...
Sono 31 gli agenti della Polizia locale destinatari di onorificenze, in occasione di San Sebastiano, giorno in cui si celebra la festa della Polizia locale, dal presidente di Regione Lombardia e da ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima