altri 20.000-tamponi-per-lo-sport-regionale20.000-tamponi-per-lo-sport-regionale

Prosegue sostegno per ripartenza del settore con altri 20.000 tamponi gratuiti. Il sottosegretario si è vaccinato a Lecco

“Nei prossimi giorni inizierà la consegna al Coni Lombardia di un secondo lotto di 20.000 tamponi rapidi nasofaringei gratuiti per la rilevazione della Sars-CoV-2, da utilizzare per la sicurezza dei nostri atleti”. Lo anticipa Antonio Rossi, sottosegretario regionale con delega a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi sportivi, vaccinatosi al ‘Palataurus’ di Lecco. Annunciando la firma del relativo decreto dirigenziale Rossi chiarisce: “Con questa nuova fornitura arriviamo a 40.000 test antigenici, donati dalla Regione alla rappresentanza lombarda del Comitato Olimpico Nazionale Italiano”.

Da Regione altri 20.000 tamponi per lo sport. Antonio Rossi si è vaccinato a LeccoUn aiuto prezioso soprattutto per le realtà sportive più piccole 

“Si tratta di un aiuto prezioso – spiega Rossi – soprattutto per le realtà sportive più piccole, alle prese con bilanci messi seriamente in crisi dalla pandemia da Covid. Quest’ulteriore fornitura permetterà a tanti atleti di tutte le discipline di proseguire allenamenti, test e prepararsi alle gare con tranquillità. In attesa, magari, del loro turno per la vaccinazione.Oggi mi sono vaccinato anche io. Spero che il mio esempio venga seguito da tutti i miei tifosi e dal maggior numero di persone possibili. Perché il buon prosieguo della campagna vaccinale sarà d’aiuto alla ripresa dello sport e della società. Il movimento sportivo lombardo ha sofferto parecchio in questi mesi per le restrizioni imposte dalle misure nazionali di emergenza ma sta ripartendo con forza e decisione, grazie anche e soprattutto alle misure messe in campo dalla Regione”. 

Da Regione oltre ai 20.000 tamponi anche tanti aiuti concreti

“I fatti dimostrano – sottolinea il sottosegretario – come Regione Lombardia sia impegnata con provvedimenti ad ampio raggio e finanziamenti importanti per sostenere lo sport regionale a tutti i livelli. Così da aiutarlo a riprendersi dalla crisi generata dalla pandemia da Covid. Voglio ricordare, tra i numerosi, gli oltre 6,5 milioni che la Giunta ha messo a disposizione delle associazioni sportive dilettantistiche e, quindi, dello sport di base. I 15 milioni a favore dei comuni per riqualificare l’impiantistica sportiva, proprio per agevolare la ripartenza post Covid delle attività amatoriali e dilettantistiche. C’è, poi, un altro milione di euro messo a bilancio per il sostegno delle manifestazioni sportive regionali”.

Gioco di squadra per vincere insieme

“Lo sport insegna – ricorda Rossi, pluricampione olimpico di canoa – che il gioco di squadra è fondamentale per vincere. In campo oggi ci sono gli italiani e i lombardi, alle prese con enormi difficoltà, tutti insieme in barca a remare verso la stessa direzione. Questi nuovi 20.000 tamponi al Coni Lombardia, sono l’ennesimo contributo concreto destinato a sostenere innanzitutto le realtà sportive che hanno a disposizione meno fondi. Questi test hanno, infatti, un costo che può rivelarsi proibitivo per le federazioni più piccole ed è per questo che Regione prosegue la partita al loro fianco, con questa seconda fornitura gratuita”.

Dopo sci e palestre c’è attesa per riapertura piscine al chiuso

“Lo sport – aggiunge il sottosegretario e campione olimpico di canoa – mi ha insegnato il rispetto dell’avversario, l’obiettività e la lealtà. Per questo, come in passato anche in futuro, tutti i suggerimenti costruttivi continueranno sempre a essere valutati con attenzione. Da qualunque realtà sportiva o politica provengano. D’altronde, gli esponenti del mondo dello sport regionale sanno bene che le porte di Palazzo Lombardia sono da sempre aperte. E c’è sensibilità nell’ascoltare le loro istanze. Con questo provvedimento – conclude il sottosegretario – Regione conferma il suo pieno sostegno possibile a tutto il movimento sportivo regionale. Dopo le nostre numerose richieste sono finalmente arrivati gli ok del Governo alle nuove riaperture. Ora aspettiamo di vedere ripartire con lo sci e le palestre anche le piscine al chiuso, così importanti per lo sport e l’economia della nostra regione”.

 dbc

 

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 5 / 5. Voti: 1