Agricoltura. Chiesto lo stato di calamità per Valcamonica e Oltrepò Pavese

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutture e infrastrutture a servizio del comparto agricolo nelle scorse settimane in Valcamonica e in Oltrepò Pavese. Lo ha annunciato mercoledì 10 agosto l’assessore regionale all’Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi che, nel pomeriggio, ha visitato alcune aziende agricole di Niardo e Braone (BS). L’assessore, martedì 9 agosto, ha inviato una lettera al ministro dell’Agricoltura.

Agricoltura, chiesto lo stato di calamità per Valcamonica e Oltrepò Pavese

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò

“Gli allevatori camuni – ha dichiarato l’assessore – si sono già rimessi in moto, con uno spirito straordinario. Con Vigili del fuoco e Protezione civile hanno ripulito stalle e strutture per la continuità aziendale, anche se gli effetti del maltempo si vedono ancora in maniera evidente. Ora stiamo raccogliendo le schede con i danni causati dalle piogge e dalle grandinate delle scorse settimane per sostenere la richiesta di stato di calamità“.

“Nel frattempo – ha aggiunto – è disponibile la misura regionale del credito di funzionamento che azzera gli interessi per i prestiti bancari”.

In un territorio già provato per la situazione di siccità, che da mesi attanaglia l’intera regione, unitamente all’aumento dei costi di produzione dovuta alla ormai persistente situazione bellica nell’Europa Orientale, il comparto agricolo è messo ancora una volta a dura prova. Questa volta a causa di fenomeni atmosferici che confermano una innegabile tendenza del cambiamento climatico in atto.

Aziende agricole già sotto pressione

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò

“Le aziende agricole – ha concluso – sono sotto pressione per l’aumento dei costi di produzione e per la crisi idrica. Abbiamo già chiesto per i prossimi anni l’istituzione di un fondo catastrofale nazionale. Una ‘realtà’ che auspichiamo possa coprire con le risorse della politica agricola i danni alle aziende. E farlo in maniera più diffusa ed efficace anche rispetto alle attuali condizioni assicurative”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

pac rolfi
Far conoscere ai sindaci la nuova Pac. È quanto auspica l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi,
foreste lombardia progetti
La Regione Lombardia, nell'ambito del Programma di sviluppo rurale, ha finanziato 95 prog ...
aziende lombarde
Regione Lombardia ha stanziato 7 milioni di euro per l'adozione del metodo biologico di 532 aziende agricole lombarde. Un contributo iniziale, erogato ...
agricoltura Brescia Itas Pastori
Un nuovo impianto robotizzato di mungitura acquistato grazie al bando regionale è stato inaugurato a Brescia all'istituto tecnico agrario ...
fitosanitari
"Dal sistema Italia arriva una richiesta unanime di revisione della proposta di regolamento Ue sull'uso dei fitofarmaci. Europarlamentari, associazioni di categoria e categorie di imprese, tutti ...
giovani agricoltura
"Il futuro dell'agricoltura lombarda è legato all'innovazione e al ricambio generazionale. Oggi finanziamo la nascita di altre 85 aziende agricole gestite da giovani under 40  che hanno deciso di ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima