Agricoltura. Chiesto lo stato di calamità per Valcamonica e Oltrepò Pavese

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutture e infrastrutture a servizio del comparto agricolo nelle scorse settimane in Valcamonica e in Oltrepò Pavese. Lo ha annunciato mercoledì 10 agosto l’assessore regionale all’Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi che, nel pomeriggio, ha visitato alcune aziende agricole di Niardo e Braone (BS). L’assessore, martedì 9 agosto, ha inviato una lettera al ministro dell’Agricoltura.

Agricoltura, chiesto lo stato di calamità per Valcamonica e Oltrepò Pavese

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò

“Gli allevatori camuni – ha dichiarato l’assessore – si sono già rimessi in moto, con uno spirito straordinario. Con Vigili del fuoco e Protezione civile hanno ripulito stalle e strutture per la continuità aziendale, anche se gli effetti del maltempo si vedono ancora in maniera evidente. Ora stiamo raccogliendo le schede con i danni causati dalle piogge e dalle grandinate delle scorse settimane per sostenere la richiesta di stato di calamità“.

“Nel frattempo – ha aggiunto – è disponibile la misura regionale del credito di funzionamento che azzera gli interessi per i prestiti bancari”.

In un territorio già provato per la situazione di siccità, che da mesi attanaglia l’intera regione, unitamente all’aumento dei costi di produzione dovuta alla ormai persistente situazione bellica nell’Europa Orientale, il comparto agricolo è messo ancora una volta a dura prova. Questa volta a causa di fenomeni atmosferici che confermano una innegabile tendenza del cambiamento climatico in atto.

Aziende agricole già sotto pressione

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò

“Le aziende agricole – ha concluso – sono sotto pressione per l’aumento dei costi di produzione e per la crisi idrica. Abbiamo già chiesto per i prossimi anni l’istituzione di un fondo catastrofale nazionale. Una ‘realtà’ che auspichiamo possa coprire con le risorse della politica agricola i danni alle aziende. E farlo in maniera più diffusa ed efficace anche rispetto alle attuali condizioni assicurative”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

fondo eccellenze lombardia
"Il Fondo per le eccellenze lanciato  dal Governo è un'ottima soluzione per promuovere e sostenere la storia e la qualità del nostro patrimonio agroalimentare. Rappresenta una grande occasione d ...
fiera cremona 2023
"L'eccellenza raggiunta dall'agricoltura lombarda è certificata da questa fiera che rappresenta il massimo della visione che questo settore ha del lavoro e dell'etica del lavoro. Qui si vede la vo ...
peste suina nel pavese
La Commissione europea ha ufficializzato un allentamento delle restrizioni che interessavano 172 Comuni della provincia di Pavia in seguito ai focolai di PSA-Peste ...
bando frantoi
Aprirà lunedì 6 novembre il bando regionale dedicato all'ammodernamento dei frantoi oleari< ...
prevenzione antincendio boschivo
Regione Lombardia stanzia 1,3 milioni di euro per la redazione dei Piani Locali di Prevenzione antincendio boschivo per il bienno 2023-2024. È quanto previsto da una delibera approvata dalla Giunt ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima