Maltempo, chiesto stato emergenza territori Brescia, Pavia, Lodi e Cremona

maltempo lombardia chiesto stato emergenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore Protezione civile: aiuti immediati a popolazioni colpite

Maltempo, il presidente di Regione Lombardia ha inviato una lettera al presidente del Consiglio dei Ministri e al Capo Dipartimento della Protezione civile per chiedere lo stato di emergenza di rilievo nazionale per gli eventi accaduti in Lombardia, a partire dal 4 luglio 2022 e attualmente ancora in corso.

Maltempo Lombardia, chiesto stato emergenza

“Sul territorio lombardo – si legge nella missiva – si sono verificati, a luglio, eventi meteorologici avversi di significativa intensità, che hanno causato dissesti e danni intensi. In particolare nei territori delle province di Brescia, Pavia, Lodi e Cremona e, in misura minore, anche in altre aree provinciali”.

“Per contenerne gli effetti – prosegue la lettera – sono in atto misure rilevanti, sia in termini economici che di impegno del Volontariato di Protezione civile; decine le organizzazioni coinvolte; centinaia i volontari attivati per garantire l’assistenza alla popolazione e la rimozione del materiale, che ha invaso i centri urbani; attivate, inoltre, le prime misure per il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture strategiche”.

La situazione in Valcamonica

Il governatore cita poi nel dettaglio i territori più colpiti come quelli di Niardo, Braone e Ceto, nella Valcamonica, in provincia di Brescia; qui “tra il 27 e 28 luglio il maltempo ha provocato l’interruzione di importanti arterie di comunicazione, tra cui la Ss 42, la linea ferroviaria Brescia-Edolo, la viabilità provinciale, nonché varie strade comunali. Durante l’evento circa 260 le persone evacuate a Niardo e 25 a Braone. Sono tutt’ora in corso le rilevazioni tecniche per le verifiche delle unità abitative coinvolte; a Niardo risultano compromesse decine di abitazioni e oltre 80 persone sono state evacuate”.

I danni in provincia di Pavia

“In provincia di Pavia – scrive ancora il presidente – il 26 e 27 luglio, le colate di fango dei bacini dei torrenti Scuropasso e Versa, hanno coinvolto la viabilità provinciale (tra cui la SP 201) e comunale; interessate abitazioni civili, con alcuni nuclei familiari sfollati, e le attività produttive”.

Situazione critica anche in provincia di Cremona

Il rappresentante della Giunta lombarda infine fa riferimento anche a danni nel Lodigiano e nella provincia di Cremona, investita il 4 luglio da un violento nubifragio e da una tromba d’aria; eventi “che hanno causato danni significativi, con interruzione della viabilità e allagamenti diffusi che hanno coinvolto edifici comunali, cimitero e ponti e immobili privati”.

L’impegno dei volontari lombardi

“Regione Lombardia – commenta l’assessore regionale al Territorio e Protezione civile – è immediatamente intervenuta con il sistema di Protezione civile per dare supporto alle popolazioni colpite. Le associazioni di volontariato di Protezione civile e i volontari attivati, coordinati dalla Provincia di Brescia, sono stati: 14 Odv e 73 volontari di Protezione civile (28/07); 25 Odv e 116 volontari di Protezione civile (29/07); 26 Odv e 141 Volontari di Protezione civile (30/07)”.

Valcamonica, danni in fase di accertamento

Da parte dell’Utr di Brescia sono state attivate 4 azioni di pronto intervento – stimati in circa 800.000 euro – per il ripristino delle condizioni di sicurezza dei territori della Valcamonica. Un ulteriore pronto intervento da 200.000 euro è servito per attuare lo svuotamento delle briglie nel torrente Cobello, sempre in Valcamonica. “Una relazione tecnica dettagliata – conclude l’assessore – relativa agli eventi occorsi e ai danni rilevati sarà inviata non appena terminata la fase di ricognizione”.

gus

Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Italia regioni competenze
“Il Festival che inauguriamo in Lombardia, e che proseguirà il suo viaggio in tutti i territori che noi presidenti abbiamo l’onore di amministrare, contribuirà a rilanciare il
Italia delle Regioni intervento Salvini
"Vorrei che nei prossimi anni il ministero delle Infrastrutture diventasse la casa dei sindaci e dei governatori. Quello che vivevo negativamente dall'altra parte della barricata era il mancato coi ...
autonomia meloni
Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, intervenendo in videocollegamento durante l'evento '
Calderoli Autonomia
Il ministro Roberto Calderoli  interviene sull'Autonomia e sul rapporto con gli enti locali: "Facendo un primo bilancio, dopo 45 giorni di insediamento del Governo, posso dire di aver incontrato t ...
Italia delle Regioni Fontana con Fedriga
"L'ambiguità normativa può diventare un'emergenza democratica, una istituzione deve sapere con chiarezza come agire per rispettare la legalità. È inaccettabile che un sindaco non abbia la cer ...
Fontana obiezioni Autonomia
”Vorrei capire quali sono le obiezioni all’Autonomia. Sento affermazioni generiche che però non entrano nel ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima