Assistenti familiari, 2 milioni per assistenza, cura e nuovi sportelli

Assistenti familiari sportelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore Lucchini: rifinanziamo iniziative per favorire incontro domanda e offerta di lavoro

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità Elena Lucchini ha destinato due milioni di euro per il ‘Bonus Assistenti familiari’ e per ‘l’implementazione registri e sportelli’.

Il rifinanziamento consentirà di garantire continuità alla misura. Dall’1 gennaio al 13 settembre di quest’anno hanno richiesto il contributo per il ‘Bonus Assistenti Familiari’ oltre 600 persone. Parimenti sono stati attivati sportelli e registri nella quasi totalità degli Ambiti territoriali. Ciò anche grazie al coinvolgimento degli enti del terzo settore, delle organizzazioni sindacali e dei loro enti di patronato.

Valorizzare e sostenere lavoro

“Implementare registri e sportelli significa garantire un servizio sempre più necessario per i cittadini – dichiara l’assessore Lucchini -. Le famiglie che non possono individuare una figura di caregiver al proprio interno necessitano di un supporto a domicilio. Sappiamo che non sempre è facile da reperire tale figura. Per questo – chiarisce l’assessore – Regione Lombardia ha inteso valorizzare e sostenere il lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari in aiuto e tutela delle persone fragili e dei loro cari. Abbiamo favorito l’incontro tra la domanda di servizi domiciliari di cura e l’offerta di lavoro da parte degli assistenti familiari”.

Il ‘Bonus Assistenti Familiari‘, conclude l’esponente della giunta lombarda, “consente ora che possa accedere alla misura anche la persona fragile già destinataria delle misure B1 e B2 del Fondo Nazionale per la non autosufficienza e prevede anche la possibilità che il datore di lavoro sia un ente del settore”.

Ripartizione risorse

La misura cuba 2.000.000 e prevede la possibilità di utilizzare i residui delle assegnazioni precedenti. Ciò vale sia per la misura ‘Bonus Assistenti familiari’ sia per ‘l’implementazione registri e sportelli’ demandando alle ATS il monitoraggio dell’utilizzo delle stesse.

Ottimizzato per il web da:
Paolo Guido Bassi

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

siap convegno lombardia
L'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità,
leva civicalombardia
Centododici progetti ammessi e finanziati grazie al contributo regionale di 1.919.313 euro al quale si devono aggiungere 213.257 euro di cofinanzi ...
Contrasto disagio minori
Un incremento di un milione di euro alla dotazione finanziaria per il contrasto al disagio dei minori. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta della ...
sprint lombardia insieme 2024
Apre giovedì 30 maggio 2024 il Bando 'Sprint! Lombardia Insieme', la misura varata dalla Giunta regionale su proposta dell'
autismo impegno inclusione
Autismo, impegno e inclusione, prende il via IN&AUT. "Oggi ospitiamo qualcosa di eccezionale, un momento di grande impegno e determinazione per realizzare, sempre di più e sempre meglio, l'inc ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima