Riforma sanitaria, ‘setting’ fondamentale per presa in carico a 360 gradi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Il governatore: per assistenza domiciliare integrata già stanziati da Lombardia 7,5 milioni di euro

“Con la nuova riforma sanitaria, approvata nel mese di dicembre, l’assistenza domiciliare integrata si è posta in Lombardia quale ponte di collegamento privilegiato nella filiera di accompagnamento della persona a 360 gradi nel suo naturale ciclo di vita. Diventando, così, ‘setting’ fondamentale all’interno del sistema delle unità di offerta sociosanitarie e socioassistenziali territoriali”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, nel corso del suo intervento al convegno ‘Le cure domiciliari in Lombardia: protagoniste dell’innovazione tecnologica e delle nuove forme di Sanità”. Convegno che si è svolto in Sala Biagi a Palazzo Lombardia, a cui ha partecipato anche la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.

Importante segnale di attenzione

L’appuntamento è stato organizzato con il patrocinio di Regione Lombardia, da Finisterre – Gruppo MedicAir e Uneba Lombardia, in collaborazione con Assolombarda, Aris e IQVIA. “Con lo stanziamento straordinario del 2021 di 7,5 milioni euro – ha evidenziato il presidente – Regione Lombardia ha dato un primo importante segnale di attenzione al mondo delle cure e dell’assistenza domiciliare”. La cifra corrisponde a un incremento del budget per la produzione di 5 milioni euro, all’adeguamento delle tariffe e al supporto degli erogatori al piano vaccinale con 2,5 milioni euro.

Sviluppo in Lombardia dell’assistenza domiciliare integrata agevolata da risorse PNRR

FONTANA su Lombardia Strade Sicure e riforma sanitaria integrata“Le nuove risorse Pnrr e il quadro normativo regionale mutato consentono – ha proseguito il governatore – di perseguire con maggior fiducia e certezza lo sviluppo dell’assistenza domiciliare. Compresi nuovi importanti strumenti. Strumenti che si configurano come opportunità imperdibili per il mondo degli erogatori. Mi riferisco alla telemedicina e alla digitalizzazione dei sistemi sanitari. Una partita, quella della digitalizzazione – ha rimarcato il presidente – che dobbiamo giocare tutti insieme, in maniera compatta e coesa. Evidenziando le difficoltà e collaborando per superarle. Altrimenti si rischia che diventi uno svantaggio anziché un’opportunità. Quando riusciremo a fare questo – ha concluso Fontana – compiremo una vera rivoluzione nel modo di affrontare la malattia. E, soprattutto, di soddisfare completamente i bisogni dei cittadini”.

gus

Ottimizzato per il web da:
Damiano Bolognini-Cobianchi

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Comunità montane 35 milioni
Regione Lombardia finanzierà le Comunità Montane con un importo complessivo di 35 milioni euro. A stabilirlo è una delibera proposta dell'assessore ...
piscine caro bollette
Da Regione Lombardia 24 milioni di euro ai comuni lombardi per l'efficientamento energetico degli impianti sportivi natatori e del ghiaccio. La misura rientra in uno specifico band ...
Ogni giorno è questo giorno
"Ogni giorno è questo giorno. Denunciate e non abbiate paura, noi siamo e saremo sempre al vostro fianco". Così il presidente della Regione Lombardia ...
progetto da grande milano
'Da Grande, Milano' è un progetto frutto di una sinergia virtuosa tra enti pubblici, associazioni, realtà sportive e culturali, oltre che sanitarie. Si tratta infatti di un progetto volto a mobil ...
montagna bando itinerari
Regione Lombardia ha ampliato la dotazione finanziaria attuale del bando 'Itinerari' ...
Golden skate awards olimpiadi
"Una kermesse che ci avvicina idealmente e concretamente alla sfida delle Olimpiadi". Lo ha detto ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima