coronavirus moschea

Assessore: autorità hanno pensato alle tante moschee abusive?

“Domani, lunedì 18 maggio, riaprirà la moschea di via Meda a Milano chiusa per il coronavirus. Due turni di preghiera, ingressi contingentati, obbligo delle mascherine, dispenser con igienizzante all’ingresso e tappetini posizionati a un metro di distanza l’uno: osservando le disposizioni previste dal protocollo firmato dal presidente del Consiglio, dal ministro dell’Interno e dai rappresentanti delle comunità islamiche. Lo dichiara l’assessore di Regione Lombardia alla Sicurezza, all’Immigrazione e alla Polizia locale, Riccardo De Corato.

Più controlli da parte delle Forze dell’ordine e della Polizia locale

“A mio avviso – aggiunge l’assessore lombardo – è necessario che in tema di sicurezza vengano effettuati controlli. Anche da parte delle Forze dell’ordine o della polizia locale”.

Problema moschee abusive

“Mi chiedo inoltre – prosegue l’assessore De Corato – se le autorità abbiano preso in considerazione le tante moschee abusive presenti a Milano e in Lombardia. Ovvero quelle ricavate in sottoscala e capannoni”.

Intenzione di vigilare

“Il Ministero, le Prefetture e le Questure – conclude De Corato inviando una domanda – hanno intenzione di vigilare per assicurarsi che non riapra dopo la chiusura per coronavirus anche una moschea abusiva?”.