Covid, Viggiù/Va modello di strategia combinata per contenere e vaccinare

covid viggiu modello di strategia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Moratti: dati analoghi per fascia ‘arancione rafforzato’ dei comuni tra Brescia e Bergamo

Covid, a Viggiù (Varese) è stato attuato un modello di strategia combinata per contenere e vaccinare. L’importanza della campagna vaccinale e l’efficacia della strategia messa in campo da Regione Lombardia nell’affrontare la pandemia emerge con chiarezza dai risultati emersi a Viggiù. Nell’area critica del comune varesino, infatti, è stata sperimentata una strategia combinata. Misure rafforzate per contenere e mitigare il rischio pandemico e vaccinazione reattiva e massiva della popolazione.

Vaccinate 3.000 persone

A Viggiù l’intervento, avviato a fine febbraio e conclusosi il 5 marzo, ha visto vaccinate 3.000 persone con una adesione del 78% della popolazione e una punta dell’83% fra gli over 65.

Primi dati dimostrano bontà misure

I primi dati in effetti dimostrano la bontà delle misure prese. Anche se sono necessarie tra le 2 e le 3 settimane dopo la prima dose per lo sviluppo di un’immunità efficace al contagio.

Incidenza contagio crollata

L’incidenza del contagio, calcolata su 100.000 abitanti, è passata dai 664, della settimana tra il 15 e il 21 febbraio, ai 19 di giovedì 18 marzo. E con la chiusura delle scuole si sono esauriti i casi in età scolare.

Copertura vaccinale e bassa incidenza

“Data la copertura vaccinale raggiunta e la bassa incidenza – commenta la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti – è da ritenersi improbabile il verificarsi di una nuova diffusione critica del virus in quell’area. Ciò appunto a conferma dell’efficacia della strategia adottata di contenimento e vaccinazione reattiva”.

Modello valido applicato nella fascia ‘arancione rafforzato’

“I dati – conclude la vicepresidente e assessore al Welfare – ci dicono che si tratta di un modello valido. Perché analoghi risultati stanno emergendo dai successivi interventi realizzati nella fascia ‘arancione rafforzato’, nei Comuni tra la provincia di Brescia e di Bergamo“.

ama

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

tariffe sanita
Continuano gli sforzi della Regione La Lombardia per abbattere le liste di attesa. Proprio con questo obiettivo, è stato deciso di riconoscere al personale delle professioni sanitarie (infermieri, ...
National Institutes of Health
L'assessore regionale al Welfare, impegnato con il presidente di Regione e con il sottosegretario alla Presidenza con delega alle Relazioni internazionali in una missione istituzionale negli Stati ...
agente ferito
L'assessore regionale al Welfare nella mattina del 13 maggio 2024 ha fatto visita all'Ospedale Niguarda a Christian Di Martino,
milano poliziotto ferito
L'assessore regionale al Welfare si è recato questa mattina all'ospedale Niguarda di Milano dopo aver appreso la notizia dell'aggressione al vice isp ...
lombardia bodycam sanita
Dal 2 maggio gli operatori in servizio sui mezzi di soccorso avanzato che operano nelle province di Bergamo e Monza Brianza hanno in dotazione bodycam indossabili. L'utilizzo delle telecamer ...
Dal 1° maggio 2024 non ci sarà nessuna interruzione del servizio dell'invio delle ricette mediche dematerializzate per chi ancora non ha confermato questa scelta tramite i canali ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima