emendamenti biodigestato

Assessore: no a sua equiparazione a fertilizzante spiana strada a fanghi e gessi

“A Roma sono stati bocciati in Commissione Ambiente della Camera gli emendamenti finalizzati all’equiparazione del biodigestato a fertilizzante. Provvedimenti che avrebbero consentito la possibilità, anche in Italia, di riconoscere come fertilizzante il prodotto da digestione anaerobica, aprendo a una sostanza green utilizzabile anche nelle zone vulnerabili in sostituzione dei fertilizzanti chimici, in un’ottica di sostenibilità ambientale ed economia circolare”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi.

Il voto contrario

“Il voto contrario di Pd e 5 Stelle – ha aggiunto – ha affossato questa eventualità moderna, sostenibile e intelligente dimostrando ancora una volta come la sinistra abbia una visione ideologica del settore agricolo, un approccio anti impresa che mette in difficoltà le filiere zootecniche portabandiera del Made in Italy, impedendo un processo di innovazione necessario ad affrontare le sfide future legate alla sostenibilità ambientale e arrecando un grave danno alle economie territoriali”.

Aiuto alle varie Wte

“Questa visione – ha sottolineato – è tipica di chi per scarsa conoscenza non fa altro che aiutare le varie Wte presenti in Italia. Impedire l’utilizzo del digestato come fertilizzante significa spalancare autostrade a gessi e fanghi che, al di là delle responsabilità di chi sgarra, sono in ogni caso una prospettiva tutt’altro che sostenibile per la nostra zootecnia”.

Gli impianti di biogas agricolo in Lombardia

“La Lombardia ha 450 impianti di biogas agricolo sui 2.000 presenti in Italia. Più materia organica – ha concluso Rolfi – significherebbe meno sostanza chimica nei campi. Nonchè una maggiore probabilità di sviluppare tecniche di agricoltura 4.0, come la fertirrigazione. Realtà su cui puntiamo molto come Lombardia”.

red

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0