Seveso-Meda, da Regione 450.000 euro a Ersaf per la gestione delle vasche

ersaf vasche seveso meda
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

I siti contenengono materiale da bonifica aree contaminate da diossina

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, ha stanziato 450.000 euro (tra il 2021 e il 2022) all’Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste (Ersaf) per la pulizia e la messa in sicurezza delle vasche A e B nei Comuni di Seveso e Meda (MB), nell’area ‘Bosco delle querce’. Le vasche contengono il materiale derivante dalla bonifica delle aree contaminate dalla diossina (Tcdd). L’attività riguarda la loro gestione post-operativa.

L’ipotesi di Piano

L’aggiornamento del Piano delle attività di Ersaf riguarda interventi su strutture e impianti che sono necessari a garantire la sicurezza dei luoghi di lavoro e dei visitatori, con accertamenti e progettazioni propedeutiche. Come pure l’installazione di un sistema di monitoraggio del percolato ed interventi ‘eventuali’ sul sistema di monitoraggio delle acque sotterranee e della condizione delle vasche. Infine riguarda anche attività di studio, monitoraggio e progettazioni preparatorie agli interventi di manutenzione straordinaria, se necessari.

Origine dei finanziamenti

I finanziamenti sono a valere sul ‘fondo ripresa economica (l.r. 9/2020), a seguito del programma già approvato degli interventi sulle discariche ante-norma, cessate, in gestione operativa o post-operativa. Nel piano, Regione aveva fissato i criteri per sostenere gli Enti locali che sono tenuti al loro risanamento e alla messa in sicurezza delle ‘vecchie’ discariche.

A cosa servono gli invasi

Le due vasche, collocate tra i comuni di Seveso e Meda, si inseriscono in un contesto consolidato di tutela della biodiversità. Nonchè di valore per la flora e la fauna della zona.

Il ‘Bosco delle querce’

La gestione affidata a Ersaf è un ulteriore passo perché quella zona, già in totale sicurezza, rimanga a disposizione dei cittadini ma sia ulteriormente valorizzata e resa ancor più fruibile. Ciò all’interno di una più vasta area ecologica che mette in rete numerosi siti ed aree protette. Senza dimenticare il significato e l’origine storico-ambientale del ‘Bosco delle querce’, a seguito della bonifica effettuata dopo la nube tossica del 1976.

ama

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

impianti riscaldamento inquinanti
Migliorare la qualità dell’aria e ridurre le emissioni investendo 23 milioni di euro per la sostituzione di impianti di riscaldamento obsoleti con impianti innovativi. È quanto prevede la delib ...
cambiamenti climatici bando
Entro la fine del 2024 la Regione Lombardia aprirà un bando da 10 milioni di euro rivolto ai Comuni per incrementare la capacità di ...
rinnovo auto pmi
Apre nella giornata martedì 14 maggio 2024 il bando di Regione Lombardia da 6 milioni di euro per c ...
giornata verde pulito lombardia
I volontari del verde saranno all'opera in 100 Comuni della Lombardia in occasione dell'edizione 2024 della Giornata del Verde Pulito. La data scelta è quella di ...
Dieci milioni recupero rifiuti
Dieci milioni di euro agli enti locali per la prevenzione della produzione rifiuti e l'implementazione dei sistemi di ra ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima