fascicolo informatico

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, ha approvato la delibera sugli esiti della sperimentazione per realizzare i servizi di scambio dalle ‘banche dati’ regionali al Fascicolo informatico di impresa.

Si tratta di uno strumento di semplificazione previsto dal legislatore nazionale attraverso il quale, oltre alla Pubblica amministrazione, anche l’imprenditore potrà consultare la documentazione relativa all’esercizio della propria attività d’impresa.

Collaborazione con sistema camerale

Regione Lombardia ha inteso sostenere e valorizzare questo modello inserendo una specifica disposizione e dal 2015, in collaborazione col Sistema Camerale, ha avviato un percorso sperimentale volto a sostenerne lo sviluppo sul territorio lombardo e favorirne un reale utilizzo da parte di imprese e pubbliche amministrazioni.

La sperimentazione è finalizzata a definire le modalità tecniche per consentire l’ulteriore implementazione del Fascicolo Informatico con dati provenienti dalle banche dati regionali.

Mattinzoli: tracciabilità dei procedimenti

“Le parole d’ordine – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli – sono: semplificazione mediante l’utilizzo telematico dei dati dell’impresa e l’eliminazione delle richieste all’impresa dei documenti già in possesso della Pubblica amministrazione”. “Trasparenza amministrativa, con la tracciabilità dei procedimenti, riduzione dei costi diretti e indiretti a carico delle imprese e della Pubblica amministrazione, attraverso la completa informatizzazione dei flussi e la condivisione delle informazioni tra uffici coinvolti, efficienza e qualità nei controlli, grazie alla razionalizzazione delle verifiche effettuate dalle pubbliche amministrazioni”.

Ruolo di ‘Aria’ e Infocamere

“Un ringraziamento per il lavoro svolto durante il 2019 a tutte le Direzioni generali interessate, a Unioncamere Lombardia, ad A.R.I.A. spa e Infocamere S.c.p.a. – ha aggiunto – perché sono già state individuate le prime ‘banche dati’ regionali per implementare i fascicoli d’impresa. Il lavoro di squadra è sempre vincente”.

Contribuire a incrementare uso fascicolo

In attesa dell’approvazione del regolamento nazionale, Regione Lombardia vuole contribuire stimolando la definizione dei presupposti per la progressiva raccolta nel Fascicolo di dati e documenti provenienti non solo dallo Sportello Unico per le Attività Produttive, ma anche da fonti diverse come le banche dati del patrimonio informativo regionale.

Mattinzoli: proporremo gruppo di lavoro con Ministero

“Regione Lombardia – ha aggiunto l’assessore – promuoverà, d’intesa con il Sistema Camerale e col Ministero dello Sviluppo Economico, la costituzione di un gruppo di lavoro con la partecipazione di rappresentanti del mondo imprenditoriale e della ricerca scientifica incaricato di continuare il percorso di sviluppo dello strumento sfruttando tutte le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie”.

Serve creare collaborazione

“Occorre infatti stimolare – ha concluso Mattinzoli – la creazione di un ambiente sempre più collaborativo”. “In questo modo – ha aggiunto – vogliamo facilitare il dialogo fra le istituzioni e il nostro tessuto produttivo. In una logica di reciproca integrazione tra autonomia pubblica ed autonomia privata, conservando al tempo stesso un’apertura al dialogo con le Regioni circostanti”.

rft