Incendi boschivi, Foroni: al via su tutto il territorio periodo ad alto rischio

incendi boschivi alto rischio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Necessario preservare personale addetto ad attività prevenzione

Il periodo di ‘Alto Rischio Incendi Boschivi’ è stato aperto ufficialmente con decorrenza immediata su tutto il territorio regionale, e sarà valido fino ad avvenuta revoca. Lo ha comunicato, in una Nota, l’assessore al Territorio e Protezione civile di Regione Lombardia, Pietro Foroni.

Meteo favorevole allo sviluppo di incendi

“La decisione – ha spiegato Foroni – è stata presa in considerazione dell’andamento meteorologico che ha caratterizzato gli ultimi giorni (temperature alte e vento) favorevole all’innesco e sviluppo degli incendi boschivi, nonché dalla necessità, dovuta all’emergenza in atto sul territorio nazionale di evitare, nel limite del possibile, l’impiego di personale a terra addetto alle attività di prevenzione e lotta attiva”.

Maggiore copertura territorio

Dalla giornata di giovedì 12 marzo, in aggiunta alla base permanente di Darfo Boario Terme (BS), verranno rese operative le basi supplementari di Cassina Rizzardi (CO) e Talamona (SO). Questo per dare la maggior copertura aerea possibile sul territorio regionale”.

Elicotteri regionali

Gli elicotteri regionali potranno essere utilizzati, in supporto al personale a terra, anche per le verifiche di segnalazione di incendio boschivo che perverranno al Cor Aib dei Vigili del fuoco di Curno (Bg) e alla Sala operativa regionale di Protezione civile. Permettendo, così, di evitare l’uscita delle squadre Aib degli enti forestali (Provincie, Città Metropolitana, Comunità Montane e Parchi regionali) preposte alla verifica delle segnalazioni.

Prescrizioni

Si evidenzia che, nel periodo di Alto Rischio Incendi Boschivi, è fatto divieto assoluto di accensione di fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiori a 100 metri. Come pure di far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville. È proibito anche gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio, nonché la combustione, nel luogo di produzione, di piccole quantità di materiali vegetali derivanti da attività agricole e forestali, senza eccezione alcuna, su tutto il territorio regionale.

Le sanzioni

Per i trasgressori sono previste le sanzioni previste dalla legge e applicate sul territorio regionale.

ver

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

componenti provinciali colonna mobile
La Giunta regionale, su proposta dell'assessore al Territorio e Protezione civile, ha dato il via libera all'assegnazione di fondi regionali pari a 8.250.000 euro per sostenere le componenti provin ...
attività anti-sismiche
Foroni: prosegue sostegno concreto a nostre amministrazioni locali È di 503.500 euro lo stanziamento ap ...
Protezione civile Lombardia
Foroni: supporto alle realtà di volontariato La Giunta di Regione Lombardia ha approvato, su proposta dell'asses ...
Aipo
Obiettivo principale: garantire la difesa idraulica Inizia il suo mandato anche il direttore Meuccio Berselli
Centro geofisico Prealpino contributo
Foroni: punto di riferimento concreto e affidabile per la Protezione civile Cattaneo: fiore all'occhiello del territorio da valorizzare anche in futuro Via libera al contributo an ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima