Lombardia, approvati target per attività screening oncologici ed Epatite c

lombardia screening oncologici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Vicepresidente: azioni fondamentali per prevenire importanti patologie

Prevenire le malattie oncologiche ed eliminare il virus dell’Epatite C. Questi alcuni degli obiettivi della delibera approvata dalla Giunta di Regione Lombardia, su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare che fornisce alle Agenzie di tutela della salute (ATS) e alle Aziende socio-sanitarie (ASST) le indicazioni per raggiungere i traguardi.
Nello specifico il documento declina le azioni da mettere in atto in relazione ai tre programmi di screening regionale (mammella, cervice e colon retto) e allo screening per l’eliminazione del virus dell’Epatite C. Individua, inoltre, le fonti e i criteri di calcolo degli indicatori e definisce il livello di performance da raggiungere.

“Si tratta di attività – ha commentato la vicepresidente e assessore al Welfare – fondamentali per la prevenzione di importanti patologie. Le ATS e le ASST dovranno costantemente aggiornare le comunicazioni agli utenti, al fine di garantire un più facile accesso alle prestazioni. Avranno, inoltre, anche il ruolo di raccordo con la medicina di famiglia e i professionisti del territorio, in linea con quanto prevede lariforma per il potenziamento del servizio sanitario. La prevenzione è fondamentale per tutelare la salute dei cittadini. Per questo – ha concluso – occorre semplificare le procedure ed eseguire il maggior numero possibile di screening”.

Attività screening oncologici, in Lombardia centrale il ruolo di ATS e ASST

Per raggiungere gli obiettivi previsti, le ATS e le ASST riceveranno il supporto dell’Agenzia dei Controlli e dell’Unità Operativa Prevenzione della DG Welfare. Previste anche azioni di monitoraggio dei risultati e verifiche delle procedure interne e delle informazioni fornite all’utente tramite campagne informative dedicate e siti web aziendali. Saranno valutati anche altri indicatori, come la percentuale di telefonate gestite, i tempi di risposta alle e-mail e di contatto per comunicazione esito positivo. Oltre ai servizi di comunicazione e front-office messi a disposizione da ATS e ASST al cittadino.

med

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

progetto parchi incontro prefetti
"Urgente intensificare i piani di contrasto allo spaccio. Nel 2022 altri 5 milioni per videosorveglianza aree verdi" La vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia,
task force liste attesa
Costituita in Lombardia una task force finalizzata a ridurre tempi e liste d'attesa e verificare la corretta gestione delle prestazioni in ambito ospedaliero e territoriale. L'obiettivo è di migli ...
melograni buzzi
'I melograni al Buzzi', opera d'arte per colorare l'ospedale dei bambini Continua l'operazione 'Quartiere dei bambini', cominciata con la nascita del 'Nuovo e Gran ...
terza dose over 40, al via le prenotazioni
"La crescita dell'incidenza dei contagi Covid ha avuto un rimbalzo negli ultimi die ...
lombardia percorsi diagnostico terapeutici assistenziali
Il paziente al centro di un processo decisionale informato e condiviso con i professionisti sanitari che lo hanno in cura. È quanto prevede il 'Modello lombardo per la strutturazione operativa dei ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima