Lombardia Notizie / Presidenza

Lonato del Garda: su Polo logistico Regione Lombardia ha forti perplessità

lonato del garda polo logistico
Assessori Beduschi, Comazzi e Maione: evidenti criticità ambientali, ma competenze e tempistiche seguono iter previsto da legge

Gli assessori regionali Alessandro Beduschi (Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste), Gianluca Comazzi (Territorio e Sistemi verdi) e Giorgio Maione (Ambiente e Clima) intervengono nel dibattito relativo al progetto per la realizzazione di un Polo logistico a Lonato del Garda (BS).

Lonato del Garda polo logistico: la situazione

“In questi giorni – dichiarano gli assessori – gli organi di informazione stanno riservando ampio spazio a questo progetto e alle sue evidenti criticità. È utile ribadire la posizione di Regione Lombardia. Soprattutto considerate le continue dichiarazioni di esponenti dell’opposizione che chiedono alla Giunta di esprimere la propria contrarietà o di ‘bloccare’ l’iter progettuale. Un conto, infatti, è esprimere opinioni personali. Ben diverso è rispettare regole, tempistiche e, soprattutto, competenze tra Enti”.

Il Piano Attuativo

Il progetto di Polo logistico presentato da privati è collegato a un Piano Attuativo relativo a un ambito di trasformazione nel PGT di Lonato del Garda. Ed è, quindi, di esclusiva competenza comunale. Regione Lombardia non ha partecipato, perché non direttamente competente, alle Conferenze di Servizi relative al Piano Attuativo. Sedi in cui Provincia di Brescia e Parco del Mincio hanno manifestato contrarietà al progetto per evidenti criticità ambientali. Osservando che la decisione di adozione del Comune non è stata preceduta da un’adeguata Valutazione di Incidenza. Inoltre, il proponente non ha ancora provveduto a depositare uno Studio di Incidenza rispondente alle linee guida nazionali rispetto al Sito Natura 2000 di Castiglione delle Stiviere, nel territorio del Parco adiacente a quello su cui sorgerebbe il Polo.

Favorevoli solo i proponenti

“Di fatto – proseguono gli assessori – questo progetto vede favorevoli, anche se legittimamente, solo i proponenti. Tutto questo “mentre il territorio – continuano – manifesta doverose preoccupazioni. Che sono relative all’impatto di un’opera che andrebbe a insistere su un’area dall’equilibrio delicato per l’ambiente, il paesaggio, la qualità della vita e per la sicurezza idrogeologica”.

Assessori: piena contrarietà al progetto

“Tutti questi elementi – concludono gli assessori Beduschi, Comazzi e Maione – ci fanno esprimere una piena contrarietà al progetto, che però sarà espressa dalla Regione quando chiamata in causa nel rispetto di tutte le procedure di Legge”.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima