movida presìdi militari

Per l’assessore lombardo alla Sicurezza, Polizia locale e Immigrazione, Riccardo De Corato, nelle zona della movida di corso Garibaldi a Milano, la priorità per il controllo della movida è quella di rilanciare i presìdi dei militari. Come dimostrano i recenti episodi e l’ultimo arresto di un 21enne ritenuto responsabile di un accoltellamento.

Grazie all’Arma dei Carabinieri per l’arresto

“All’Arma dei Carabinieri va il nostro ringraziamento per l’arresto del 21enne ritenuto responsabile dell’accoltellamento di venerdì notte in corso Garibaldi”. Così l’assessore alla Sicurezza, Polizia locale e Immigrazione di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, commentando la violenta rissa di venerdì in corso Garibaldi a Milano.

No a zona franca

“È inutile, pensare che con le attuali Forze dell’ordine si possa risolvere il problema cronico che affligge le zone della movida – prosegue De Corato – teatro di spaccio a cielo aperto e di gravi episodi di violenza nelle ore notturne. In particolare, l’area tra piazza Gae Aulenti, corso Como, Porta Volta e corso Garibaldi è diventata zona franca”.

Fuori controllo

“Davanti ai locali – insiste l’assessore – avviene di tutto e al di fuori di ogni controllo, come purtroppo sanno bene residenti e commercianti che subiscono una situazione di insicurezza invivibile”.

Unica soluzione

“La soluzione – conclude De Corato – è una sola. Ovvero ripristinare i presìdi dei militari in tutte le zone della movida”.

fsb