Ambiente, nuove linee guida regionali per smaltimento scarti da fonderia

rifiuti ferrosi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Cattaneo: gestione innovativa rifiuti ferrosi

Nell’ottica di una piena realizzazione dell’economia circolare, la Giunta di Regione Lombardia ha approvato, su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, una delibera contenente le linee guida per una gestione innovativa delle terre di fonderia dei metalli ferrosi, con implicazione quindi sui rifiuti ferrosi. Regione Lombardia, vuole agevolare gli utilizzi dei residui industriali, quali le terre di fonderia scorie, primariamente come sottoprodotti e secondariamente attraverso il loro riciclaggio. Minimizzando, così, il ricorso in discarica, nel rispetto della gerarchia di gestione dei rifiuti e dello sviluppo sostenibile. Per farlo occorre prima determinarne la cessazione della qualifica del rifiuto, secondo le procedure dell’End of Waste.

Ulteriore passo verso l”economia circolare

“Al momento sul tema non esistono riferimenti normativi né a livello nazionale, né a livello comunitario – ha affermato l’assessore Cattaneo – per questo la scelta di Regione Lombardia è davvero innovativa. educazione ambientale CattaneoIl documento è frutto del lavoro accurato svolto dal ‘tavolo scorie’ all’interno dell’Osservatorio regionale per l’Economia Circolare e la Transizione Energetica, con il coinvolgimento dei diversi stakeholder, tra i quali produttori, gestori, enti locali, ARPA, associazioni ambientaliste, università e centri di ricerca. Regione Lombardia infatti – puntualizza l’assessore – vuole continuare ascrivere le regole dell’economia circolare insieme ai suoi protagonisti”.

L’impatto: recuperare 300.000 tonnellate dai rifiuti ferrosi

Le terre di fonderia sono uno dei flussi di rifiuti quantitativamente più importanti in Lombardia, quindi, le linee guida appena approvate avranno un impatto significativo. In Lombardia, al 2019, si possono contare 83 fonderie di metalli ferrosi, con una produzione di terre che si attesta sulle 300.000 tonnellate annue. “Con questa delibera – conclude l’assessore – intendiamo recuperare 300.000 tonnellate in più all’anno di terre di fonderia, sottraendole dallo smaltimento in discarica”.

Riciclaggio rifiuti ferrosi minimizza conferimento in discarica

Gli obiettivi della delibera vanno nella direzione dell’economia circolare, favorendo la gestione delle terre di fonderia secondo la gerarchia europea: ossia favorire la mancata produzione di rifiuti e il riciclaggio dei rifiuti, minimizzando invece il conferimento in discarica.

str

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Lupi in pericolo
Regione Lombardia e Provincia Brescia aderiscono a progetto Ue Migliorare la coesistenza fra i lupi, attualmente in pericolo, e le persone che vivono e lavorano sulle Alpi. Obiettivo, real ...
fotovoltaico
Assessore: puntiamo su riduzione consumi energetici e sviluppo rinnovabili Riduzione di circa un terzo dei consumi di energia e raddoppio della quota di produzione di energia da fonti rinn ...
lago di Varese
L'andamento dei dati conferma, presso il Lago di Varese, il rispetto di tutti i parametri necessari per la balneabilità. E mostra inoltre come non ci siano state alterazioni sulla qualità delle a ...
Il sito riveste un’importanza strategica per sicurezza energetica del Paese La Giunta Regionale della Lombardia ha approvato, su proposta dell'assessore all'Ambiente e clima, lo schema d ...
attività estrattive lombardia
Documento rappresenta sintesi tra necessità industria estrattiva e comunità locali È stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima