Coniugi separati, fino a 3.500 euro per pagare il canone di affitto

sostegno abitativo coniugi separati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Assessore Lucchini: da Regione Lombardia ulteriori 1,8 milioni di euro

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Elena Lucchini, ha approvato il rifinanziamento della misura per l’implementazione degli interventi di sostegno abitativo a favore dei coniugi separati o divorziati in condizioni di disagio economico e i relativi criteri di accesso.

Ulteriori fondi per sostegno abitativo coniugi separati

“Considerando l’attuale contesto economico e sociale e le conseguenti difficoltà che ne derivano – ha dichiarato l’assessore Lucchini – abbiamo infatti deciso di implementare la misura. Una risposta per i cittadini che, negli anni, ha ottenuto riscontri importanti ed è molto apprezzata dai richiedenti. Con un ulteriore stanziamento di 1,8 milioni di euro, Regione Lombardia aiuta quindi concretamente i genitori separati o divorziati con figli. Persone che più di altri stanno soffrendo questa crisi e le difficoltà legate al perdurare dell’emergenza sanitaria. Si tratta quindi di una vera e propria boccata di ossigeno per permettere a tante persone di usufruire di un aiuto prezioso volto a integrare il loro canone di locazione”.

Contributi fino a 3.500 euro

Il destinatario della misura può beneficiare di un contributo per la durata di un anno dall’approvazione della domanda, fino al 40% della spesa sostenuta e fino ad un massimo di 2.500 euro nel caso di canone calmierato e di 3.500 per l’emergenza abitativa nel caso di canone a prezzo di mercato. In caso di genitore in stato di grave marginalità, oltre al contributo al canone di locazione della durata di due anni, può essere riconosciuto, a seguito della definizione di un progetto personalizzato, anche un contributo aggiuntivo fino ad un massimo di 1.000 euro all’anno.

La soglia ISEE per l’accesso al contributo è pari a 30.000 euro l’anno.

Modifica dei criteri

Per rendere più efficaci gli interventi sono stati quindi modificati i criteri di accesso alla misura. Lo si è fatto prevedendo l’equiparazione tra i figli nati all’interno e al di fuori del matrimonio.

L’attenzione concreta di Regione Lombardia

“Con l’approvazione di questa delibera – ha evidenziato Lucchini – Regione Lombardia dà quindi un ulteriore segnale di attenzione verso un fenomeno che purtroppo si sta rivelando in crescita negli ultimi anni e verso una categoria di persone che rischia di entrare a fa parte dei nuovi poveri. Evitare l’esclusione sociale dei genitori separati o divorziati e garantire loro una vita dignitosa è sempre stata e continua a essere una delle nostre priorità”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Disabilità uditiva
Promuovere l'inclusione e l'integrazione sociale delle persone sorde, sordocieche o con disabilità uditiva, con deficit di ...
caregiver familiare lombardia
Dopo l'approvazione della legge per il riconoscimento del caregiver familiare, la Giunta di Regione Lombardia< ...
eliminazione barriere architettoniche lombardia
Approvata dalla Giunta di Regione Lombardia la misura a sostegno dei Comuni con u ...
Parchi gioco lombardia
Dalle ore 10 di mercoledì 18 gennaio 2023 è possibile partecipare al bando che stanzia contributi per la realizzazione di
disagio giovani adulti rischio marginalità
La Giunta di Regione Lombardia ha approvato, su proposta dell'assessorato a Famiglia, Solidarietà ...
disabilità grave gravissima
Prosegue l'impegno di Regione Lombardia per garantire un'adeguata assistenza alle persone con grave e grav ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima