Assicurazioni, Rolfi: Agea deve 21 milioni a Lombardia

assicurazioni-agea-21 milioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore chiede audizione ad Agea in Commissione Politiche agricole Stato-Regioni

Le banche iniziano a chiedere il rientro dagli anticipi, agricoltori e consorzi non aspettano 5 anni

“L’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) deve alle aziende agricole e ai Consorzi di Difesa della Lombardia 21 milioni di euro di contributi per le assicurazioni zootecniche. In molti casi si tratta di pratiche del 2015 e, addirittura, per le annualità 2018, 2019 e 2020 siamo a quota zero euro di rimborsi. Una follia”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi.

“La tenuta del sistema dei consorzi di difesa e delle assicurazioni zootecniche che anticipano i premi assicurativi è a rischio. I consorzi non sono istituti di credito e le banche stanno iniziando a chiedere il rientro delle anticipazioni”.

Ministro intervenga

“Chiedo al ministro Bellanova di ascoltare i reiterati appelli da parte del mondo agricolo e delle Regioni – ha aggiunto l’assessore lombardo –  e di intervenire”.

“Ho anche chiesto ufficialmente al Coordinatore della Commissione Politiche Agricole della conferenza Stato Regioni, Donato Pentassuglia, di convocare una riunione urgente per affrontare la questione alla presenza del direttore di Agea. Urge sbloccare una situazione non più tollerabile dato che i soldi sono comunque a disposizione dell’agenzia”.

Situazione assicurazioni paradossale

“La situazione assume contorni paradossali, visto che lo Stato non può rimborsare gli agricoltori per i danni alle colture assicurabili, ma poi attraverso le assicurazioni di Agea tarda di più di cinque anni per pagare”.

Assicurazioni, incertezza per campagna 2021

“Questo non è solo un danno economico, ma anche un forte elemento di incertezza sull’apertura della campagna assicurativa 2021 per le produzioni zootecniche – ha precisato Rolfi – visto che i Consorzi di difesa, già pesantemente esposti per questa situazione, dovrebbero anticipare parte dei premi alle compagnie di assicurazione nel mese di gennaio”.

Ancora una volta penalizzati da burocrazia

“La Lombardia – ha concluso Rolfi – è la regione italiana con la più alta diffusione dello strumento assicurativo e annovera più della metà degli allevamenti zootecnici assicurati a livello nazionale”.

“Per questo, come spesso capita, siamo il territorio più penalizzato dalle incapacità e dall’inefficienza della macchina burocratica statale”.

ver

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutt ...
pest suina barriera cinghiali
Assessore: lavoro di squadra per scongiurare disastro economico Una barriera frutto del lavoro di squadra in Lombardia contro la peste suina per scongiurare il disastro economico legato al ...
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
appello filiera cerealicola
Assessore: aumentare produzione nazionale per tutelare approvvigionamento e Dop La Regione Lombardia condivide l'appello delle organizzazioni della filiera cerealicola, zootecnica ed alime ...
lombardia droni in olivicoltura
Prova a Desenzano del Garda (Bs) con assessore all'Agricoltura e Aipol Novità in Lombardia, prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivaz ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima