Autonomia, Galli: non alimentiamo discussioni con argomenti infondati

autonomia regionalismo differenziato lombardia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Regionalismo differenziato rappresenta opportunità per intero Paese

“Non è questo il modo di condurre e sviluppare il dibattito su un tema così importante come quello del regionalismo differenziato e dell’autonomia anche della Lombardia. Non si può alimentare una discussione pubblica facendo leva su argomenti del tutto infondati”. Lo afferma Stefano Bruno Galli, assessore all’Autonomia e alla Cultura della Regione Lombardia, intervenendo nel dibattito sull’Autonomia dopo il ‘question time‘ di mercoledì 15 giugno alla Camera.

Strumentalizzazione e confusione

“Si stanno strumentalizzando, confondendo e mischiando ad arte dei concetti importanti – prosegue Galli – per generare polveroni inutili e buttare la palla in tribuna. La realtà delle cose è un’altra. Il regionalismo differenziato rappresenta invece un’opportunità per l’intero Paese. Innovazione istituzionale, efficienza e responsabilità: solo così, con l’autonomia differenziata, il sistema si dimostrerebbe dinamico e moderno, capace di adattarsi al mutamento in atto, pena l’esclusione dalla storia”.

Non è una secessione dei ricchi

“Non è la secessione dei ricchi, che nessuno vuole. Tutti – aggiunge l’assessore all’Autonomia – vogliamo la più rapida determinazione dei fabbisogni standard e dei LEP. Ma sono 13 anni che aspettiamo. E non possiamo neppure continuare a frustrare le istanze di territori interi e di milioni di cittadini che si sono già espressi, ormai quasi cinque anni fa, con una procedura democratica e partecipativa, quale il referendum consultivo territoriale del 22 ottobre 2017 in Lombardia e Veneto”.

Autonomia e regionalismo differenziato della Lombardia

“Definire l’autonomia, per altro costituzionalmente garantita – conclude l’assessore Stefano Bruno Galli – come la secessione dei ricchi significa negare il cambiamento e l’innovazione, alimentare le paure e tradire lo stesso spirito costituzionale. Dire che la spesa storica avvantaggerebbe le regioni del Nord è del tutto privo di fondamento scientifico. E ciò perché la spesa storica ha sempre premiato chi spendeva di più e peggio, non certo le Regioni più virtuose e più efficienti. L’auspicio è che il dibattito sull’autonomia abbandoni le strumentalizzazioni ideologiche e rientri nei binari della serietà e della competenza. Senza inutili proclami demagogici. Sarebbe anche ora”.

gal

Ottimizzato per il web da:
Moreno Gussoni
0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

due bandi di promozione culturale
Due bandi per eventi, manifestazioni e per interventi mirati La Giunta regionale ha stanziato 1,3 milioni di euro per sostenere progetti di promozione culturale in Lombard ...
Via Francigena Unesco
A Firenze firma Protocollo d'intesa per redazione dossier Interessati 13 Comuni tra il Pavese e il Lodigiano A Firenze siglato il Protocollo d'intesa per la redazione del dossier ...
gruppo san donato
Sono 15 i progetti finanziati da Regione con oltre 10 milioni di euro del 'Piano Lombardia' finalizzato alla valorizzazione del patrimonio pubblico delle amministrazioni locali, che rivesta interes ...
Ludovico il Moro
Regione Lombardia celebra Ludovico il Moro, Duca di Milano, a 570 anni dalla nascita. Un personaggio chiave nella ...
Siti Unesco Regione Lombardia
Dal 23 giugno, ogni giovedì - fino al 21 luglio e dopo la pausa estiva, ogni giovedì, dal 1 al 29 settembre - sulle principali piattaforme audio free (Spotify, Apple Podcast, Spreaker, Google Pod ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima