Breno, assessore Maione: un milione per intervento su discarica abusiva

Breno discarica abusiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Sopralluogo in località Calameto: dove c'è un problema ambientale, la Regione è in campo per risolverlo

Un milione di euro per togliere i rifiuti e le scorie industriali presenti da più di trent’anni nella località Calameto a Breno (BS). È quanto prevede la delibera approvata lunedì scorso dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima Giorgio Maione che questa mattina l’ha presentata al sindaco di Breno Alessandro Panteghini in occasione del sopralluogo  sul sito che sarà interessato dagli interventi di sgombero, a ridosso di un pilone del cavalcavia della superstrada.

“Dove c’è un problema ambientale – ha dichiarato l’assessore Maione – la Regione Lombardia fa di tutto per risolverlo. Soprattutto in zone periferiche. È qui dove vogliamo far sentire ancora di più la presenza delle istituzioni. In questi primi mesi di mandato abbiamo dato una accelerata importante alle questioni territoriali. L’intervento al Calameto era atteso da decenni. Era giunto il momento di intervenire. Questa discarica abusiva era presente dagli anni ’90 ed è costituita da rifiuti speciali derivanti presumibilmente dall’industria fusoria e metallurgica”.

Nel dettaglio, l’intervento finanziato dalla Regione Lombardia prevede la rimozione di 4 cumuli di rifiuti abbandonati tra i piloni di un tratto sopraelevato della strada statale n. 42 del Tonale e della Mendola.

Cosa è in programma per il sito

Il sito nel tempo è stato oggetto di vari interventi da parte degli Enti. In particolare, il Comune di Breno ha posato teli e uno strato di terreno a copertura dei cumuli, oltre a recintare l’area per impedire l’accesso. Da indagini condotte da ARPA nel 2022 emerge che i 4 cumuli di rifiuti sono classificati come pericolosi.

Data l’impossibilità di individuare i responsabili dell’abbandono, considerato anche il parere espresso da ATS Montagna sul potenziale rischio per la salute pubblica legata ai rifiuti abbandonati, il Comune interviene per rimuovere e smaltire i cumuli di rifiuti soprasuolo, verificare lo stato del suolo di appoggio dei cumuli e attuare la protezione finale dell’area previa esecuzione delle indagini ambientali preliminari.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

qualità aria misure
In conseguenza ai valori di PM10 registrati nella giornata di ieri - domenica 18 febbraio - e delle previsioni meteorologiche per i prossimi giorni, da domani, 20 febbraio 2024, si attivano le misu ...
prodotti locali
"Il primo atto di tutela ambientale è il consumo di prodotti locali. Questo consente di abbattere le emissioni che derivano dai trasporti, di ridurre il consumo energetico, imballaggi e trattament ...
Aria Milano
Qualità dell'aria a Milano, Palazzo Lombardia risponde al Comune. "La Regione Lombardia ha già un tavolo istituzionale a cui partecipano i Comuni per ...
grandate discarica abusiva
Sequestrata una discarica abusiva a Grandate. Il Comando Provinciale di Como della Guardia di finanza ha individuato e sequestrato un'area di circa 17.000 metri quadri sottoposta a ...
sostenibilità regione lombardia
Sostenibilità è una delle parole chiave che caratterizzano la nuova legislatura della Regione Lombardia. ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima