Lombardia nuovi bus a basso impatto ambientale

Terzi: in arrivo 190 bus a basso impatto ambientale

Uno stanziamento di 60.883.953 euro per cofinanziare l’acquisto di circa 190 nuovi bus a basso impatto ambientale da destinare al trasporto pubblico locale e le relative infrastrutture di supporto per gli autobus ad alimentazione alternativa (impianti di distribuzione, infrastrutture di ricarica, ecc.). Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

Dal 2018 finanziato acquisto 880 mezzi, altri 510 entro il 2026

“Mettiamo a disposizione delle Agenzie del Tpl – commenta l’assessore Terzi – ulteriori finanziamenti per il rinnovo della flotta degli autobus. Protezione civile Trenord, Bua a basso impatto ambientaleSi tratta di risorse ministeriali, derivanti dal Fondo complementare al Pnrr, che investiamo per efficientare il trasporto pubblico e offrire agli utenti un parco mezzi sempre più performante e confortevole. Lo stanziamento di 60,8 milioni di euro segue quello di 98,7 milioni deliberato a ottobre per l’acquisto di 480 autobus. A questi due recenti finanziamenti si aggiungono ulteriori 92,6 milioni di euro che tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 abbiamo trasferito alle Agenzie del Tpl, corrispondenti a una stima di circa 510 autobus che entreranno in servizio da qui al 2026.

Già 880 nuovi mezzi in funzione dal 2018

Mentre i nuovi mezzi finanziati da Regione entrati in funzione dal 2018 a oggi sono circa 880. Garantire nuovi autobus significa migliorare la qualità del servizio offerto e aumentare l’attrattività del trasporto pubblico, con benefici in termini di decongestionamento della rete stradale, minor inquinamento e maggiore sicurezza”.

Ripartizione risorse per l’acquisto di bus a basso impatto ambientale

I destinatari dei fondi sono le Agenzie del Tpl. Le risorse sono destinate all’acquisto dei mezzi adibiti al trasporto pubblico extraurbano e suburbano, come stabilito dalle regole ministeriali, e vengono ripartite sulla base delle percorrenze (bus km) con particolare riferimento alla modalità interurbana, come già concordato tra Regione e Agenzie del Tpl. La Regione ha demandato alle Agenzie del Tpl l’individuazione della tipologia e del numero degli autobus da finanziare, nonché delle infrastrutture di supporto. In coerenza coi termini ministeriali, le Agenzie dovranno realizzare il 50% del programma di forniture entro il 31 maggio 2024 e completare il programma entro il 29 maggio 2026.

Il dettaglio per singolo bacino

Di seguito il dettaglio delle risorse per singolo bacino (Assegnazione 2022-2026). A differenza di precedenti linee di finanziamento basate sulla quantità di acquisti predefiniti di autobus, questo riparto lascia discrezionalità alle Agenzie del Tpl circa la percentuale di spesa da investire in autobus o in infrastrutture di supporto (depositi, impianti di rifornimento e altro). Agenzia di Bergamo: 7.947.902 euro; Agenzia di Brescia: 10.280.335 euro. Inoltre, Agenzia di Como-Lecco-Varese: 10.755.597 euro; Agenzia di Cremona-Mantova: 7.042.493 euro. Infine, Agenzia di Sondrio: 1.883.322 euro; Agenzia di Milano-Monza Brianza-Lodi-Pavia: 22.974.302 euro.

Attrezzature e dotazioni obbligatorie sugli autobus

Gli autobus devono disporre inoltre di idonee attrezzature e dotazioni per l’accessibilità di persone a ridotta mobilità e fruibilità del servizio di trasporto. Inoltre, devono avere dispositivi per la localizzazione. Richiesti anche videosorveglianza e conteggio dei passeggeri. Infine, devono prevedere la separazione del posto di guida. Questo onde consentire la protezione del conducente e il distanziamento dai passeggeri in fase di salita/discesa dalla porta anteriore del mezzo.

dvd/dbc

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 5 / 5. Voti: 1