Coronavirus. Arrivati 43 infermieri volontari in Lombardia accolti da vicepresidente Fabrizio Sala

coronavirus 43 infermieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Accolti dal vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, sono arrivati all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio, per l’emergenza coronavirus, 43 infermieri volontari reclutati principalmente nelle regioni del centro-sud dal Dipartimento nazionale di Protezione civile.

Fabrizio Sala accoglie infermieri Orio al Serio

Gli infermieri, accompagnati dal ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, vanno ad aggiungersi al contingente di medici arrivato nei giorni scorsi a Bergamo e a Milano Linate.

Personale specializzato

“Per curare le persone che si trovano in terapia intensiva e sub intensiva occorrono équipe specializzate – ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala – abbiamo la gran parte dei malati più gravi concentrati all’interno degli ospedali”.

Grazie a tutti i neoarrivati

“Per questo – ha continuato – ringrazio tutti gli infermieri che sabato 11 aprile, su base volontaria, hanno deciso di raggiungere la nostra Regione. Per dare supporto al nostro personale sanitario”.

Le destinazioni

I 43 infermieri saranno destinati alla Lombardia verranno ripartiti così:

– 6 Ats Bergamo

– 8 ospedale Ana Fiera Bergamo

– 6 Ats Val Padana (sede di Cremona)

– 8 Asst Spedali Civili Brescia

– 4 Asst Garda

– 7 ospedale Fiera Milano

– 4 Asst Valcamonica

Superare l’emergenza

“Ora dobbiamo continuare a superare l’emergenza – ha aggiunto Sala – Ci troviamo davanti ad una tregua apparente: il tasso di contagio sta scendendo ma sta scendendo lentamente”.

La sfida della riapertura

“Poi la grande sfida – ha detto – sarà la riapertura, per fasi e con determinati protocolli, per cui abbiamo già chiesto aiuto alla nostra comunità scientifica e agli esperti”. “Tra questi – ha proseguito – anche gli economisti di geopolitica. “Il mondo – ha aggiunto Fabrizio Sala – avrà aree che aprono e aree che chiudono ed essendo noi una Regione che esporta molto all’estero anche questo fattore sarà fondamentale”.

Sburocraticizzazione totale

“Per la fase due su una cosa siamo tutti d’accordo – ha concluso Sala – in Lombardia chiediamo una sburocraticizzazione totale. Non partire dalle regole attuali, ma lasciare libere – ha spiegato -le imprese. Di riprendere facilmente a lavorare e dare ai lavoratori le condizioni per operare nella più totale sicurezza”.

ben

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

g7 trasporti violino stradivari
La delegazione del 'G7 dei Trasporti' guidata dal ministro delle Infrastrutture, che giovedì 11 aprile sera è stata accolta a
par condicio elezioni 2024
A seguito dell'indizione dei comizi elettorali, convocati giovedì 11 aprile, è entrata in vigore la '
Stati Generali Cinema Siracusa
"Il Cineturismo è un'opportunità straordinaria per il comparto turistico in una pragmatica collaborazione reciproca con la cultura". Così
g7 trasporti cluster lombardo mobilità
"La Lombardia vuole assumere un ruolo più importante in materia di mobilità. Vuole essere un player che possa competere a livello internazionale nell'ambito del trasporto. Per fare questo, il pri ...
autonomia lombardia legge
"Stanno cercando in tutti i modi di imporre un blocco a qualcosa che non è più rinviabile". Il presidente della Regione Lombardia,

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima