Lombardia Notizie / Turismo, moda e marketing territoriale

Documentario tedesco sul Garda, assessore Mazzali difende qualità lago

documentario tedesco garda

“L’emittente tedesca Sat 1 non mandi in onda il documentario televisivo che danneggia, con fake news, l’immagine turistica del Lago di Garda. Sono pronta a chiedere una diffida”. È perentoria la richiesta di Barbara Mazzali, assessore a Turismo, Marketing territoriale, Design, Moda e Grandi Eventi di Regione Lombardia, commentando le email inviate da Sat 1, canale tv tedesco che trasmette in Germania, Austria e Svizzera, a molteplici amministratori locali di Comuni affacciati sul Garda, chiedendo loro informazioni su possibili irregolarità nello smaltimento delle acque reflue nel lago. “Sono domande inopportune e improprie, nonché fuorvianti, perché inducono a risposte errate”, sostiene Mazzali.

L’assessore Mazzali si chiede chi abbia “inviato questi giornalisti tedeschi in ‘missione italiana’ e a quale scopo, sotto le mentite spoglie di un documentario ambientalista”.

Assessore Mazzali: il sistema di collettamento fognario dei comuni del Garda funziona

La realtà è un’altra, sostiene Mazzali. “Il sistema di collettamento fognario di tutti i Comuni del lago – afferma Mazzali – convoglia regolarmente le acque reflue al depuratore di Peschiera del Garda. Struttura che scarica nel Fiume Mincio, adempiendo ai criteri di legge, con rigorosi controlli da parte di Arpa Lombardia (Azienda Regionale per la Protezione Ambientale). Come noto si sta studiando, inoltre, il potenziamento del sistema con la realizzazione di uno o due depuratori riferibili alla sponda bresciana del lago. Ma, intanto, l’ottimo stato delle acque del lago è testimoniato dalle ‘bandiere blu 2023’ assegnate a Gardone Riviera, Toscolano Maderno e Sirmione. La ‘bandiera blu’ è un premio internazionale attribuito da organizzazioni estere impeccabili (FEE, ONU e UNWTO)“.

lago garda stagione turisticaL’assessore smonta anche l’immagine denigratoria di un lago in crisi idrica: “Sulla carenza di acqua si evocano danni non verificati scientificamente, poiché i giornalisti tedeschi stanno applicando calcoli errati, artigianali, nella determinazione del livello di riempimento del Garda. Stando alla scienza tale parametro va infatti calcolato in relazione allo zero idrometrico, ‘un punto’ matematicamente definito, posto ad una specifica altezza sul livello del mare (64,027 metri). Senza contare, inoltre, che il livello delle acque varia fisiologicamente a seconda della stagione, estiva e invernale. Non credo che i giornalisti di Sat 1 abbiano gli strumenti degli scienziati. E’ altrettanto noto a tutti gli esperti ambientali che l’impatto dei cambiamenti climatici riguarda tutti i laghi europei, anche quelli tedeschi”.

Livello delle acque rassicurante

Oggi, riferisce l’assessore lombarda, “la situazione nel Garda è nelle medie storiche del periodo estivo e il livello delle acque è quest’anno rassicurante in relazione alla stagione irrigua e turistica“.

Per chiudere, Mazzali, avanza un’ultima domanda: “Perché Sat 1 costruisce un documentario sul Lago di Garda facendo illazioni sull’inquinamento delle sue acque e siccità, da diffondere sugli schermi tedeschi, austriaci e svizzeri, che sono proprio le nazionalità dei turisti che amano e frequentano il nostro Lago (quest’anno saliranno dal 51 al 56%) e che noi trattiamo con ‘i guanti bianchi’ in strutture ricettive di alta qualità? Sono forse interessati a portarsi via una fetta del nostro turismo?”.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima