Violenza donne, progetto AlerMilano-Regione-Telefono Donna:ottimi risultati

Donne Violenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Rizzi : sostegno psicologico, case e assistenza legale per chi è in difficoltà

Sei appartamenti a Milano e cinque a Rozzano a disposizione delle donne che hanno subìto violenza. Sono 26 le donne supportate, 13 delle quali hanno usufruito della consulenza legale e 8 hanno già intrapreso un percorso di sostegno. Sono questi alcuni dei numeri del progetto sperimentale voluto da Regione Lombardia e Aler Milano in collaborazione di ‘Telefono Donna‘. I presìdi sono situati nei quartieri dell’Aler Molise-Calvairate e San Siro.

‘Telefono Donna’, è l’associazione di volontariato che ha sede all’ospedale di Niguarda a Milano ed è impegnata nel sostegno delle donne vittime di violenza.

A oltre 12 mesi dalla firma della convenzione che ha formalizzato l’iniziativa, l’assessore alla Casa e Housing sociale Alan Rizzi ha fatto il punto della situazione. Negli spazi di via Calvairate a Milano anche Stefania Bartoccetti fondatrice di Telefono Donna.

 

Violenza donne, un progetto Regione-Aler-Telefono Donna per contrastarla

“Abbiamo iniziato un percorso – ha spiegato l’assessore – con ‘Telefono Donna’ e Aler Milano che ha messo a disposizione gli spazi dove poter realizzare i presìdi che hanno dato risultati eccezionali. C’è una attività molto intensa e in questa prima fase tante donne hanno usufruito della consulenza offerta e hanno iniziato nuovi percorsi”.

“Per queste donne che fuggono dalla violenza – ha aggiunto Rizzi – ci sono appartamenti a Milano e a Rozzano, messi a disposizione da Aler. Considerati gli ottimi risultati raggiunti  stiamo già lavorando per aumentare la capacità, l’offerta e quindi i presìdi sul territorio milanese. Vogliamo infatti  poter aiutare sempre più le donne maltrattate“.

‘Telefono Donna’ che finora ha organizzato  un percorso di formazione condominiale, otto incontri, continuerà a programmare appuntamenti sul tema rivolti, in particolare, ai condòmini. L’obiettivo è infatti quello di rafforzare i legami e creare così una rete sociale in grado di prevenire e contrastare la violenza.

La convenzione tra Regione Lombardia, Aler Milano e ‘Telefono Donna’ in scadenza a fine anno sarà infatti prorogata di sei mesi, fino al 30 giugno 2023.

Ottimizzato per il web da:
Monica Ramaroli

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

visite ospedale sabato
Possibilità di effettuare visite mediche ed esami in ospedale anche il sabato e la domenica. È uno dei progetti illustrati dall’assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso, ...
Lombardia produzione industriale
"Il sistema lombardo si conferma più forte del contesto negativo internazionale. Le nostre imprese si stanno dimostrando ancora una volta capaci di resistere alle criticità detta ...
totem openstage cormano cusano
Anche alla stazione di Cormano - Cusano Milanino arriva un totem Openstage. La colonnina, che permette a musicisti e artisti di esibirsi dal vivo, è la quarta dopo quelle già installate a Milano ...
lombardia svizzera collaborazione
Il dialogo bilaterale e la collaborazione tra Lombardia e Svizzera hanno vissuto, mercoledì 21 febbraio a Palazzo Lombardia, un nuovo appuntamento con la presenza del presidente < ...
limitless meningite
Lo sport come occasione per superare se stessi e i propri limiti. È questo il tema chiave di 'Limitless', il murale che punta a promuovere una maggiore conoscenza tra i cittadini ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima