Dl Rilancio, Rolfi: inaccettabile l’esclusione della filiera ortofrutta

filiera ortofrutta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

“Scriverò al ministro Bellanova per chiedere una riflessione aggiuntiva”

“Sbagliata e ingiusta l’esclusione della filiera dell’ortofrutta dal Dl Rilancio, il provvedimento di riduzione del costo del lavoro, che prevede lo stanziamento di 426 milioni di euro per esoneri contributivi previdenziali e assistenziali. Una scelta inaccettabile, visto che sono state inserite pressoché tutte le filiere del settore primario, alcune con incidenza economica decisamente minore rispetto all’ortofrutta. L’Italia è leader in Europa in questo settore con una produzione di 24 milioni di tonnellate all’anno per un valore di 13,5 miliardi di euro, di cui 700 milioni in Lombardia. Siamo di fronte all’ennesimo grave errore da parte del Governo in ambito agricolo”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in merito alle misure per l’agricoltura contenute nel Dl Rilancio.

Lettera al ministro

“Scriverò al ministro Bellanova – ha aggiunto Rolfi – per chiedere una riflessione aggiuntiva in vista del passaggio del provvedimento al Senato. Stiamo parlando di un settore che eccelle per sostenibilità ambientale e per innovazione e che deve fare i conti con una crescita esponenziale dei competitor esteri. Non dimentichiamo che l’ortofrutta sarà la filiera più colpita dalla plastic tax. Al momento solo rinviata a gennaio 2021 e non eliminata completamente. E che obbligherà i produttori a pagare un aumento di 45 centesimi al chilogrammo. Condivido, dunque, la preoccupazione degli imprenditori e assicuro massimo impegno istituzionale”.

Imprese dell’ortofrutta hanno affrontato costi del lockdown

“Durante il lockdown, per garantire che i prodotti arrivassero sulle tavole degli italiani, le imprese dell’ortofrutta – ha concluso l’assessore lombardo – hanno eseguito interventi sulle linee di produzione con un aggravio dei costi fino al 30%. I consumi sono in diminuzione già da giugno e, quindi, non si capisce questa scelta del governo. Il settore sta affrontando diverse problematiche: calo della superficie, insetti alieni, cambiamenti climatici. Non possiamo negare anche aiuti fiscali”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Consigliati per te

coronavirus casi Lombardia
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 25 maggio 2023. Ricoverati in terapia inten ...
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 27 aprile 2023. Ricoverati in terapia inten ...
enoturismo Lombardia ottime stime
L'enoturismo rappresenta un volano per la Lombardia. "Per degustare il nostro vino  si viaggia sempre di più in Lombardia, dove l'enoturismo rappresenta un prezioso patrimonio, anche culturale.  ...
vigneti eroici storici
Regione Lombardia ha attivato l'elenco dei vigneti eroici e storici, per la salvaguardia dei vigneti presenti sui territori più fragili o aventi par ...
progetto combi mais 10.0
Presentato, in conferenza stampa a Milano, il progetto 'Combi Mais 10.0', un innovativo protocollo nato durante Expo 2015 che si propone di trovare soluzioni per u ...
Vinitaly premio Betti
Davide Lazzari, giovane vignaiolo bresciano, ha ricevuto al Vinitaly il premio Angelo Betti. Il prestigioso riconoscimento dal 1973 ogni anno celebra i 'bene ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima