DL Rilancio, Rolfi: imprese agricole vogliono voucher, non sanatorie

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Regolarizzazione immigrati inutile. No a uso agricoltura per ideologie”

“La regolarizzazione degli immigrati del DL Rilancio è inutile per l’agricoltura lombarda. Basta con la strumentalizzazione ideologica di un comparto vitale come quello agricolo. Dal ministro ci aspettiamo fondi e semplificazione. L’approvazione del Decreto Aprile, poi diventato Decreto Maggio e poi diventato Decreto Rilancio, doveva essere l’occasione giusta per dare soldi veri alle aziende del settore primario e semplificare il lavoro agricolo con i voucher e, invece, cercando ‘agricoltura’ si trova solo la misura per regolarizzare gli immigrati”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in merito al DL Rilancio.

Lavoro per i disoccupati e percettori reddito di cittadinanza

“Il lavoro regolare e pagato adeguatamente – ha spiegato Rolfi – deve essere dato prioritariamente a disoccupati e ai beneficiari del reddito di cittadinanza in modo semplice e veloce”.

Siamo all’inizio di una crisi economica

“È la storia di questi giorni – ha rimarcato l’assessore – a confermarlo: siamo all’inizio di una crisi economica che getta nell’incertezza milioni di famiglie”.

In agricoltura, chi cerca manodopera la trova

“Anche in agricoltura, chi cerca manodopera – ha aggiunto l’assessore – la trova”.

Da associazioni di categoria no a maxi sanatoria

“Il settore ha bisogno di concretezza – ha sottolineato l’assessore Rolfi – e non di ideologia”. “Lo hanno confermato – ha proseguito – anche le associazioni di categoria, definendo inutile una maxi sanatoria di regolarizzazione degli immigrati nel DL Rilancio”.

Voucher da reintrodurre

“Bisogna reintrodurre i voucher – ha continuato – per far emergere il lavoro nero e bisogna usare le forbici contro la burocrazia. Ci sono intere filiere che attendono risposte. Come florovivaismo, agriturismi, suinicoltura e lattiero-caseario“.

La richiesta delle imprese al ministro

“Queste imprese – ha concluso l’assessore Rolfi – vorrebbero che il proprio ministro si occupasse di agricoltura non di immigrati”.

gus

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

coronavirus casi Lombardia
Ti interessa l'aggiornamento quotidiano della vaccinazioni? Clicca
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di domenica 7 agosto. Somministrate 24.496.923 dosi
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
appello filiera cerealicola
Assessore: aumentare produzione nazionale per tutelare approvvigionamento e Dop La Regione Lombardia condivide l'appello delle organizzazioni della filiera cerealicola, zootecnica ed alime ...
lombardia droni in olivicoltura
Prova a Desenzano del Garda (Bs) con assessore all'Agricoltura e Aipol Novità in Lombardia, prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivaz ...
Domeniche di agosto
Occasione da non perdere nelle domeniche di agosto per apprezzare le bellezze della montagna e le notevoli caratteristiche naturali dell'Alto Oltrepò Pavese. Merito del servizio di Ersaf attivo ne ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima