lago varese scelto logo

Logo realizzato grazie alla collaborazione del Liceo Frattini

Le attività stanno proseguendo nonostante il lockdown degli ultimi mesi

Lago di Varese, scelto il logo. L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, ha presieduto i lavori del Comitato di coordinamento dell’Accordo Quadro per lo Sviluppo Territoriale (Aqst) ‘Salvaguardia e risanamento del lago di Varese‘. L’appuntamento si è tenuto in videoconferenza alla presenza di tutti i sottoscrittori.

Lago di Varese, individuazione del logo

Il Comitato ha individuato il logo dell’Aqst tra 4 finalisti, selezionati tra i 14  proposti dagli studenti della 4D del Liceo artistico ‘Angelo Frattini’ di Varese.

Bravi ragazzi, creatività per il lago

“Mi congratulo con gli studenti che sono stati selezionati – si è complimentato l’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo – e con tutti quelli che hanno partecipato a questo lavoro. Abbiamo visionato i quattro loghi finalisti, che hanno evidenziato la qualità, la creatività e l’attenzione alle peculiarità del lago di Varese”.

Vince Chiara Zanovello

logo aqst“Il logo selezionato – ha annunciato l’assessore – è quello di Chiara Zanovello. Un logo che richiama il moto circolare, il paesaggio in connessione con il lago”.

Una mostra per il pubblico

“Troveremo il modo – ha aggiunto – di valorizzare al più presto il lavoro di tutti, anche attraverso un’esposizione aperta al pubblico, che mi auguro si possa fare prima dell’estate”.

Qualche rallentamento

“Il lavoro in questi mesi è proseguito – ha spiegato l’assessore – anche se abbiamo potuto riscontrare dei rallentamenti dovuti alle criticità della situazione di lockdown per la pandemia del Covid-19. Nel complesso, alcune attività sono slittate di due mesi”. “Il nostro intento – ha affermato – rimane quello di far partire l’impianto di prelievo ipolimnico prima dell’estate. In modo da avviare azioni concrete per il risanamento del lago”. “Continuiamo a lavorare – ha concluso Cattaneo – sia a livello tecnico, sia nel raccordo tra le istituzioni”.

‘Macroazione A’, rete fognaria

Per quanto riguarda il sistema fognario, a fine ottobre si è conclusa la raccolta e l’organizzazione delle segnalazioni sul malfunzionamento della rete fognaria e si sta procedendo a risolvere le principali criticità riscontrate. Riprenderà a maggio il rilievo topografico del reticolo fognario nel bacino del Lago di Varese che si estende per oltre 1000 km, nonché le attività di monitoraggio degli sfioratori fognari (la società Alfa ha confermato che la gara per il campionamento è stata esperita, per cui il laboratorio per le analisi sarà presto in funzione).

Rilievi e sopralloghi

Inoltre, proseguiranno i rilievi e i sopralluoghi per la realizzazione della vasca volàno e il risanamento di un tratto del collettore circumlacuale sud presso il Comune di Galliate Lombardo. Individuato, a fine ottobre, come primo intervento sul sistema fognario.

‘Macroazione B’, monitoraggio delle acque

A causa dei ritardi sull’attività di fornitura dei materiali, di montaggio e di installazione, Arpa conferma di poter installare le boe nell’ultima settimana di maggio, rendendole operative per la fine di giugno. Con un ritardo di circa 2 mesi rispetto alle previsioni inziali. Le attività di monitoraggio del lago e del fiume Bardello sono state interrotte a marzo e aprile e riprenderanno nel mese corrente; solo i campionamenti condotti da Ats Insubria, relativi alla balneazione, sono proseguiti normalmente.

Piano di monitoraggio

Arpa Lombardia ha presentato il piano di monitoraggio previsto nel 2020, ottimizzando l’ubicazione dei punti di monitoraggio e l’elenco delle sostanze ricercate. I ricercatori del CNR IRSA di Verbania hanno inoltre presentato l’attività di calibrazione del modello previsionale che servirà a prevedere nel tempo lo sviluppo della qualità delle acque.

‘Macroazione C’, ammodernamento impianto di prelievo ipolimnico

È in corso il lavoro per riaprire i cantieri e attivare gli ultimi affidamenti previsti. Come auspicato nella precedente riunione di ottobre, l’impianto di prelievo ipolimnico sarà riattivato sperimentalmente dal prossimo mese di giugno. E la sua riattivazione sarà accompagnata da un monitoraggio di dettaglio con frequenza settimanale su cinque diversi punti di monitoraggio. Per ottimizzarne la gestione ed evitare problematiche legate ai cattivi odori e al peggioramento della qualità del fiume Bardello.

Impianto fotovoltaico

Inoltre, partirà anche l’attività di installazione dell’impianto fotovoltaico, la cui operatività è prevista per marzo 2021, con una potenza tale da coprire oltre 1/3 dell’energia consumata dall’impianto alla massima potenza. Sono in ripartenza le attività di installazione dei misuratori di portata del Bardello e di studio della batimetria del lago.

‘Macroazione D’, biodiversità e disciplina navigazione lago

Prosegue l’analisi di fattibilità per lo sviluppo della navigazione elettrica del lago, che a causa del lockdown si è rallentata. Il tavolo tecnico, in cui il Comune di Varese è capofila, sta proseguendo i lavori con l’intenzione di attivare un servizio di navigazione elettrica nel 2021.

‘Macroazione E’, comunicazione

Sarà realizzato un incontro aperto al pubblico per illustrare le attività svolte dall’Aqst e un’esposizione dei lavori sul logo presentati dal Liceo artistico ‘Frattini’.
Per quanto riguarda la sensibilizzazione dei cittadini, degli addetti ai lavori e delle imprese alle attività del lago, saranno organizzati dei percorsi formativi tematici in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente di Regione Lombardia, nell’ambito del programma ‘Gestire 2020’.

‘Macroazione F’ valorizzazione sponde

Sarà redatto uno studio finalizzato a promuovere la fruibilità del lago. Si baserà sulla valorizzazione delle peculiarità dei singoli Comuni, della pista ciclabile e della vocazione turistica.

fsb

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0