Mantova, prosegue l’iter dell’impianto pilota per il riciclo della plastica

impianto riciclo plastica Mantova
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Cattaneo: non basta differenziare, servono anche impianti innovativi

Rendere ancora più efficiente il riciclo della plastica affiancando ai processi meccanici anche quelle chimici: è l’obiettivo dell’impianto pilota che si intende realizzare in provincia di Mantova per il quale Regione Lombardia ha condiviso con il ministero dell’Ambiente e Sicurezza Energetica il parere in merito all’istanza di valutazione ambientale.

Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dall’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo.

Cattaneo: il riciclo chimico attiva un processo virtuoso

“Si tratta di un riciclo chimico complementare – ha spiegato Cattaneo – capace di recuperare rifiuti di plastica normalmente destinati all’inceneritore. Una tecnologia che attraverso la pirolisi ha l’obiettivo di attivare un processo virtuoso teoricamente infinito in grado di immettere nella filiera produttiva, nell’ottica dell’economia circolare, polimeri che, come quelli realizzati direttamente dalle fonti fossili, possono essere idonei a ogni applicazione”.

L’importanza di impianti innovativi per il riciclo della plastica

“Ai crescenti sforzi dei cittadini impegnati nella raccolta differenziata – ha proseguito l’assessore – si affiancano nuovi processi che migliorano l’efficienza di quello che deve essere sempre di più un circolo virtuoso. In Lombardia vengono differenziati 4,7 milioni di tonnellate di rifiuti urbani. I siti industriali di trattamento sono fondamentali per trasformare quello che per molti è solo spazzatura in una risorsa”.

Un nuovo processo per il trattamento della plastica

L’impianto è dotato della tecnologia HOOP(r), basata su un processo di trattamento di tipo pirolitico. È alimentato da una materia prima seconda prodotta dalla filiera esistente del riciclo della plastica. Ha una potenzialità di circa 6.000 tonn/anno.

Il parere viene inviato al Ministero della Transizione Ecologica (MITE) ai fini dell’emanazione della pronuncia di compatibilità ambientale.

Il nuovo insediamento e l’area utilizzata

L’area di intervento è localizzata internamente all’insediamento ‘Versalis S.p.a.’, inclusa nella perimetrazione del Sito di Interesse Nazionale ‘Laghi di Mantova e Polo Chimico’. Infine il cronoprogramma: la fase di cantierizzazione ha una durata stimata di circa 7 mesi.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Idrogeno H2ma
La Regione fa un altro passo avanti propedeutico alla diffusione dell'idrogeno verde. Con una delibera approvata dalla Giunta, ...
giorni della merla
Tradizione rispettata per quanto riguard i 'Giorni della merla del 2023'. La mattinata del 30 gennaio, infatti, ha fat ...
Varese Lago
Definiti i prossimi step per il risanamento del Lago di Varese. Tra questi: ulteriore tutela delle aree protett ...
idrogeno lombardia
Favorire la produzione di idrogeno rinnovabile nelle aree industriali dismesse della Lombardia. E' questo l'obiettiv ...
qualità aria Lombardia 2022
Qualità dell'aria in Lombardia: nel 2022 i livelli di biossidi di azoto (NO2) risultano tra i più bassi di sempre. Inoltre, per il Pm10 per il settimo anno dal 2014 (con le eccezioni del 2015 e d ...
L'assessore regionale all'Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha preso ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima