Sci, dal 25 marzo al 2 aprile campionati juniores di freestyle e snowboard 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Fontana: ai Mondiali in Valmalenco ospitati atleti ucraini

“Dopo i successi della Coppa del Mondo di Bormio, la Lombardia torna protagonista negli sport invernali con un evento di caratura internazionale che metterà in risalto le bellezze della Valmalenco”. Con queste parole il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha aperto la conferenza stampa di presentazione dei Mondiali juniores di Freestyle e Snowboard, in programma in Valmalenco (SO), dal 25 marzo al 2 aprile.

All’incontro, svoltosi a Palazzo Lombardia, sono intervenuti anche gli assessori Lara Magoni (Turismo, Marketing Territoriale e Moda), e Massimo Sertori (Enti Locali, Montagna, Piccoli Comuni) e il sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia Antonio Rossi (Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi).

Con loro, presenti all’incontro Andrea Rinaldi, direttore Gare Federazione internazionale Sci, e Franco Vismara, presidente del comitato organizzatore.

Speranza per il futuro anche da presenza squadra Ucraina

“Una manifestazione – ha aggiunto il governatore Fontana – che metterà in risalto due specialità che hanno sempre più seguito fra i giovani e che hanno in Chiesa Valmalenco uno dei luoghi più belli e attrezzati per praticarle. Guardiamo con entusiasmo al rilancio dei nostri territori che hanno subito in maniera pesante le conseguenze delle restrizioni per il Covid e che ora dimostrano la loro volontà di ripartire. Sottolineo, infine, la grande solidarietà del Comitato organizzatore della Valmalenco che ha dato piena disponibilità a ospitare la squadra Ucraina: speriamo possa anche essere beneaugurante per il ritorno della pace”.

Rossi: in pista verso il 2026, gare da vedere dal vivo

“Con oltre 400 fra atleti e tecnici, provenienti da 27 nazioni, la Valmalenco – ha proseguito il sottosegretario Antonio Rossi – per una settimana diventerà il centro del mondo per le specialità di freestyle Moguls, pista dosso, e Aerials, trampolino al Dosso, e per lo slalom di snowboard. Si tratta di un appuntamento importante a livello sportivo e organizzativo. Gare da vedere dal vivo, per apprezzare appieno le eccezionali prestazioni di cui sono capaci gli atleti di queste discipline. Un evento che sulla strada verso le Olimpiadi del 2026 metterà in risalto la bellezza delle nostre montagne. Inoltre, ne sono certo, evidenzierà la preparazione tecnica dei nostri specialisti. Oltre che la capacità della Valtellina di organizzare eventi di importanza mondiale”.

“Con l’augurio che questi campionati della Valmalenco – ha chiosato – siano un trampolino sportivo per giovani atleti azzurri, anche in vista dei prossimi Giochi invernali”.

Magoni: sport strategico per marketing territoriale

“Eventi internazionali di tale portata – ha sottolineato l’assessore Lara Magoni – sono driver di conoscenza e di promozione dei territori. In tal senso, la Valmalenco è in prima linea nella valorizzazione di discipline così performanti e spettacolari. Da sempre, Regione Lombardia crede fermamente nel ruolo attrattivo dello sport, che assume una funzione strategica di marketing territoriale”.

“L’attività sportiva, dunque, per dimostrare a livello internazionale l’alta qualità dell’accoglienza, della ricettività e dei servizi che la Lombardia è in grado di offrire. Da sportiva – ha dichiarato – sarò certamente presente in Valmalenco per assistere a gare dal grande divertimento, che sprizzano adrenalina. Dove turismo e sport si fondono in un binomio vincente”.

Sertori: Mondiali importanti per valorizzazione Valmalenco

“Faccio i complimenti al presidente Vismara – ha chiosato l’assessore Massimo Sertori – per la passione e l’organizzazione strepitosa impiegata per questo evento tanto atteso. Mai come in questi ultimi anni c’è la volontà di legare Sondrio con la Valmalenco, per potenziare le straordinarie potenzialità di questo posto fantastico. Come Regione Lombardia continuiamo a sostenere la montagna e il turismo della neve. Questo per valorizzare questi territori durante tutte le stagioni. In particolare, a causa del blocco delle attività durante la pandemia, Regione è stata affidataria di 80 milioni di indennizzi che sono stati distribuiti alle attività. Indennizzi che hanno rappresentato una boccata d’ossigeno ma anche elementi strutturali e importanti per sostenere i costi di gestione degli impianti di risalita. Alle gare ci sarò. Aspetto numerosi tifosi e appassionati da tutto il mondo, per assistere alle competizioni che si preannunciano entusiasmanti”.

dbc

 

 

 

 

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

italia brasile Mondiali 1982 Collovati
Fontana: una squadra che ha scritto la storia del calcio italiano Il 5 luglio 2022, esattamente a 40 anni di distanza da quel 5 luglio 1982,
siccità Lombardia stato di emergenza
Il discorso del presidente in Aula "La questione, urgente ed imprescindibile, della carenza idrica e le sue ripercussioni in ambito agricolo, produttivo, energetico e di approvvigionamento ...
siccità stato di emergenza Lombardia
Il governatore ringrazia l'Esecutivo per aver recepito l'istanza Siccità, stato di emergenza per la Lombardia. “Ringrazio il Governo per aver accolto la nostra
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di lunedì 4 luglio. Somministrate 24.163.557 dosi
nidi gratis azzeramento rette
Aiuto per famiglie con figli che frequentano sia strutture pubbliche che private La Giunta di ...
Strutture socio sanitarie
Presidente: gestiscono il 90% di quelle lombarde "Il 90% delle strutture sociosanitarie lombarde, tra cui residenziali,  per disabili e Centri diurni integrati, è gestito dal privato no ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima