Olimpiadi 2026, Magoni: occasione per digitale in promozione del territorio

Olimpiadi promozione territorio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La 'Valanga azzurra'? Ha accelerato sviluppo nei comprensori montani

Lara Magoni, sottosegretario alla Presidenza con delega a Sport e Giovani, è intervenuta sul tema delle Olimpiadi 2026 come occasione di promozione per il territorio, in occasione dell’evento ‘Lombardia Digital Summit‘, che si è tenuto a Palazzo Lombardia.

Olimpiadi promozione territorio“Le Olimpiadi 2026 saranno sicuramene una grandissima occasione di visibilità – ha ricordato – ma questa volta, a differenza di altri eventi come Expo 2015, saranno molti meno i giorni in cui la Lombardia potrà promuoversi con questa vetrina. Dovremo sfruttare il dinamismo del digitale per stare al passo con la velocità delle comunicazioni e lavorare per la promozione del territorio”.

Olimpiadi, grandi numeri per la promozione del territorio

Cinque province coinvolte, 16 discipline olimpiche e 6 paralimpiche, 3.500 atleti per 93 nazioni e una stima di 30.000 persone coinvolte nell’organizzazione. “Quelli olimpici – ha aggiunto Magoni – sono sempre numeri stratosferici. Da sportiva dico che è una grande opportunità, anche di inserimento giovanile. E di conoscenza: Milano si trasformerà in un grande luogo di accoglienza di persone da ogni continente. Un po’ come avveniva nel ‘circus’ bianco iridato con le diverse ‘case’, Italia, Francia o Austria, che rappresentavano tanti spaccati di ogni paese”.

“Chi non si ricorda la Valanga azzurra? – ha sottolineato Magoni – Con i suoi messaggi innovativi, e l’immagine coordinata di abbigliamento e materiali rappresentò una grande spinta per gli investimenti sui comprensori montani. Da lì è nato tutto questo percorso, di innovazione e crescita infrastrutturale nelle località di montagna. Pensiamo, ad esempio, all’evoluzione dei capi tecnici, delle tute da gara, dei materiali e anche negli impianti di risalita. Cinquanta anni di storia che ci hanno portato alla ‘velocità’ di oggi”.

“Le Olimpiadi – ha concluso il sottosegretario – non hanno ostacoli, lo sport è strumento universale che parla una lingua sola, l’inclusione. E penso alle paralimpiadi, solo dal 1992 si affiancarono alle Olimpiadi, ad Albertville, in Francia. Grazie al contributo del digitale i propositi olimpici, il messaggio universale dello sport avrà quella grande cassa di risonanza che il meraviglioso circus bianco merita, senza distinzioni alcune”.

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

milano cortina 2026 chiaravalle
Pensare all'abbazia di Chiaravalle, poco fuori Milano, come riferimento spirituale del Villaggio Olimpico di Milano-Cortina 2026. Un'idea sulla qu ...
mostra treno reale
Raccontare, attraverso una serie di fotografie e documenti d’epoca, la storia del Treno Reale. il tutto in un percorso che parte dalla sua creazione, avvenuta alla fine dell’800, fino alla succ ...
attrice Rosalina Neri
“Ho conosciuto personalmente Rosalina Neri, artista capace di interpretare ruoli differenti nel cinema e nel teatro, sempre con uno stile particolare e assoluta professionalità. ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima