Turismo, le prenotazioni in Lombardia tornano ai livelli pre-Covid

prenotazioni turismo lombardia precovid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Turismo in Lombardia: previsto un aumento del 10% rispetto allo scorso anno

Prenotazioni turismo, in Lombardia si torna a livelli pre-Covid stando ai dati che riportano la nostra regione ai numeri pre pandemia.

“Stando alle prime stime di prenotazioni i dati rivelano, per il 2022, un avvicinamento ai livelli pre-Covid. In termini di flussi, presenze e crescita, infatti, la spesa turistica nella nostra Regione, aumenterebbe del 10% rispetto al 2021. L’emergenza pandemica sembra aver influenzato le scelte verso il turismo sostenibile e la vacanza ‘italiana’, le mete di montagna sono rappresentate nel 10% del campione nazionale e le località lacuali dal 4%”. Così il presidente di Regione Lombardia intervenendo, questa mattina, a Palazzo Lombardia, alla conferenza stampa di presentazione delle campagne promosse da Enit, l’Agenzia Nazionale del Turismo, per celebrare le eccellenze italiane e il rilancio dell’immagine della Penisola nel mondo, alla presenza del ministro del Turismo, del presidente dell’Enit, Giorgio Palmucci, e dell’amministratore delegato, Roberta Garibaldi.

Turismo, volano prenotazioni in Lombardia, si torna a numeri pre-Covid

“Si può dire che ‘giochiamo in casa’ a beneficio delle nostre città d’arte, del patrimonio Unesco, ma anche dei piccoli borghi e del paesaggio lombardo fra i più vari d’Italia – ha detto il presidente – rimarcando le capacità organizzative della Lombardia, le bellezze architettoniche e culturali, i buoni collegamenti infrastrutturali, una fitta rete di percorsi di mobilità dolce, impianti sportivi da ‘terra olimpica’ e ospitalità capace di destagionalizzare l’offerta”.

Necessario coordinamento

Il governatore ha poi evidenziato la necessità, per un settore strategico come quello turistico, di un’attività di coordinamento interregionale. Come dimostrato durante l’emergenza Covid, “la collaborazione istituzionale – ha sostenuto – ha favorito un contesto di regole condivise per favorire la ripartenza”.

“Ringraziamo, quindi, Enit e il Ministro del Turismo – ha affermato il presidente – per aver scelto la nostra Regione che, sul turismo, ha molto da dare”. “La nostra campagna regionale di comunicazione ‘Vorrei la vedessi come me. Ogni giorno’ – ha aggiunto – cui abbiamo contribuito con risorse proprie pari a 350.000 euro per amplificarne gli effetti presso operatori pubblici e privati, ne è la dimostrazione”.

L’impegno di Regione

“Regione è impegnata con interventi di riqualificazione delle strutture ricettive. Ed anche di adeguamento degli standard di sicurezza, nella valorizzazione del turismo eno-gastronomico, di prossimità e montano.  Quasi 500 Comuni hanno beneficiato di interventi di rigenerazione urbana, il che contribuisce a rendere il nostro territorio più fruibile, anche a fini turistici. Grandi progetti – ha concluso il governatore – ci vedono protagonisti: Bergamo e Brescia ‘Capitale Italiana della cultura 2023’ e le Olimpiadi 2026”.

 

Ottimizzato per il web da:
Fausta Sbisà

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Conferenza delle Regioni
"Oggi tutte le Regioni d’Italia hanno firmato l’intesa per istituzionalizzare la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Un momento storico per rilanciare l’importanza dei terri ...
Calderoli Autonomia
Il ministro Roberto Calderoli  interviene sull'Autonomia e sul rapporto con gli enti locali: "Facendo un primo bilancio, dopo 45 giorni di insediamento del Governo, posso dire di aver incontrato t ...
grafia idiomi lombardi
Una corretta grafia per i dialetti lombardi, obiettivo: poter realmente confrontare 'parlate' differenti tra loro.  
Proseguono le consegne sui territori dei marchi identificativi di 'Attività storica' riconosciuta da Region ...
Attività storiche premiate Brescia
Sono 68, tra negozi, locali e botteghe artigiane, le imprese della provincia di Brescia che questa mattina hanno ricevuto il marchio identificativo di
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima