protocollo intesa orac anac

Obiettivo, rafforzare azione anti corruzione

È stato firmato il Protocollo d’intesa tra Orac e Anac per “promuovere sinergie nel campo dei controlli e, al contempo, anche migliorare la trasparenza dell’azione amministrativa”.

Il documento è stato siglato dal presidente dell’Organismo regionale per le attività di controllo, Giovanni Canzio, e da quello dell’Autorità nazionale anticorruzione, Francesco Merloni.

Obiettivo principale

L’obiettivo principale  del Protocollo d’intesa Orac Anac è “mettere a disposizione di entrambi gli organismi il rispettivo patrimonio informativo. Lo scopo è individuare di comune accordo le migliori pratiche per una vigilanza tempestiva ed efficacie e nel contempo non invasiva”.

Lo comunica una Nota congiunta dei due organismi, Orac e Anac, in merito al Protocollo d’intesa siglato nei giorni scorsi.

Con questo accordo l’Organismo regionale per le attività di controllo entra a pieno titolo nel sistema più avanzato ed integrato dei controlli amministrativi. Così si realizzano inoltre le finalità della Legge regionale istitutiva, la numero 13 del 2018.

Per questo il provvedimento mira anche a razionalizzare e potenziare i controlli sulla legalità.  Tra gli obiettivi c’è infatti il buon andamento di tutti i soggetti del sistema regionale.

Tecnologie digitali

Una particolare attenzione sarà data alla promozione dell’uso delle tecnologie digitali per rafforzare semplificazione, trasparenza e tracciabilità dei flussi finanziari ed informativi.

Individuati i referenti

L’accordo, di durata biennale, ha individuato i referenti per l’attuazione.  Per Anac i consiglieri Ida Nicotra e Nicoletta Parisi, oltre al dirigente Federico Dini. Per Orac, Maria Pia Redaelli e Umberto Fantigrossi. Fissata infine l’agenda dei lavori. In questo modo si  rende operativa la collaborazione tra i due organismi già dalle prossime settimane.

ram