Lo Ieo di Milano è il primo IRCCS a dotarsi di un Proton Center

proton center
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore Bertolaso: da Regione contributo importante per sostenere progetto

L’assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso, ha partecipato all’inaugurazione del ‘Proton Center’ all’Istituto Europeo di Oncologia alla presenza dei vertici dello IEO.

Si tratta del primo IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) in Italia a dotarsi di un proprio centro di Protonterapia e segue, in Lombardia, il CNAO (Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica) di Pavia che già opera in questo settore.

Sulla Protonterapia, nei giorni scorsi, la Giunta regionale ha approvato una delibera, su proposta dell’assessore Bertolaso, in cui dà mandato all’ATS Milano di assegnare un budget dedicato in via sperimentale allo IEO per questa attività.

Proton Center, Regione prevede costituzione gruppo di lavoro

La delibera prevede inoltre la costituzione di un gruppo di lavoro per predisporre le linee guida in merito all’appropriatezza ed alla priorità del trattamento e all’utilizzo nell’ambito della ricerca, in relazione alle prestazioni di Protonterapia inserite nei Lea. Il gruppo sarà coordinato dalla Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia e sarà composto, da un radioterapista esperto in adroterapia, un radioterapista pediatrico, un epidemiologo, un oncologo pediatrico, un oncologo esperto in tumori rari e un oncologo esperto nei tumori del distretto testa collo.

Il gruppo di lavoro dovrà acquisire semestralmente dalle strutture che erogano le prestazioni di Protonterapia una relazione sulle attività ed ai trattamenti effettuati, mantenendo un monitoraggio continuo sugli esiti.

Assessore Bertolaso: da Regione contributo importante per sostenere progetto ‘Proton Center’

“Da parte di Regione – ha affermato Bertolaso – c’è un supporto importante, anche di natura economica per il Proton Center. Abbiamo infatti adottato una delibera che stanzia 1,2 milioni di euro per portare avanti questo progetto. Siamo un Paese straordinario capace di ottenere risultati di primordine e a livello mondiale. In Lombardia ci sono molte strutture pubbliche e private di assoluta eccellenza e lo IEO è tra queste. Qui siamo proprio in un ‘santuario’ dove si celebra la parte più bella dell’arte medica: l’obiettivo è lavorare per il paziente”.

“Portare avanti con grande ostinazione e con tenacia nuove tecnologie e nuove metodologie – ha concluso l’assessore regionale al Welfare – è fondamentale per dare risposte di cura sempre più efficaci”.

“Con l’apertura del ‘Proton Center’ – ha dichiarato Roberto Orecchia, Direttore Scientifico dello IEO – realizziamo la promessa che facciamo ogni giorno a chi varca la soglia del nostro Istituto: se c’è una valida cura innovativa nel mondo, in IEO è disponibile o presto lo sarà. La terapia con i protoni permette di curare più tumori, compresi alcuni attualmente orfani di cura, e di curare meglio molti di quelli che oggi ricevono la radioterapia tradizionale. Offre, infatti, più possibilità di cura sia per i tumori sviluppati in organi critici o in sedi difficili da raggiungere, sia per quelli che non rispondono alla radioterapia convenzionale. Comporta inoltre meno rischi di tumori indotti dai raggi, meno tossicità durante e dopo il trattamento. La Protonterapia è dunque davvero innovativa, ma allo stesso tempo consolidata, come dimostrano i risultati ottenuti su oltre 200.000 pazienti trattati con protoni nel mondo. La sua diffusione capillare è tuttavia lenta perché un centro protoni richiede investimenti significativi in tecnologie, strutture e risorse umane”.

Protonterapia, come viene erogata

La Protonterapia viene erogata da un apposito macchinario molto sofisticato (Gantry) dopo l’esecuzione di alcuni esami di imaging che ricostruiscono virtualmente il tumore, quali la Tac, la Risonanza Magnetica, la Pet/Tac. Questi esami consentono di creare un’immagine digitale 3D del tumore e delle strutture anatomiche circostanti, indispensabili per strutturare e programmare un piano di trattamento che garantisca l’erogazione di una dose radiazione protonica che sia distruttiva per il tumore ma che al contempo eviti l’esposizione degli organi e dei tessuti vicini, alla radiazione residua. Il trattamento si effettua ambulatorialmente, senza bisogno di ricovero. Il paziente, dopo la preparazione, viene disteso su un lettino, e viene irradiato in posizione di immobilità, che deve essere mantenuta durante tutta la fase del trattamento. L’irradiazione dura non più di 2 minuti ed è completamente indolore. I cicli di sedute durano dalle 2 alle 8 settimane, a seconda del tipo di tumore.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

visite ospedale sabato
Possibilità di effettuare visite mediche ed esami in ospedale anche il sabato e la domenica. È uno dei progetti illustrati dall’assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso, ...
pediatri famiglia
Sono 24 le domande presentate per il bando unificato dedicato ai liberi professioni, gestito dal Policlinico San Matteo di Pavia, a fronte di 18 posti che saranno lasciati liberi dalle
personale sanitario
Il 20 febbraio si celebra la Giornata nazionale del personale sanitario e sociosanitario, del personale socioassistenziale e del
Irccs Monza
La Fondazione Irccs San Gerardo di Monza compie 850 anni. La nascita dell'Ospedale avvenuta il 19 febbraio 1174 è stata ricordata oggi durante una cerimonia cui hanno partecipato gli assessori reg ...
lombardia tessera sanitaria punti
La Lombardia sta pensando a una tessera sanitaria 'a punti' per premiare coloro che aderiranno ai vari screening sanitari proposti dalla Regione. Lo ha annunciato oggi l'assessore regionale al Welf ...
protesi sport
Prorogata, dal 22 gennaio al 22 marzo, la scadenza del bando di Regione Lombardia che riconosce contributi economici per l'acquisto di protesi ai soggetti disabili che, in questo modo, sono facilit ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima