Foroni: scarichi acque e deflusso verso reti di drenaggio urbano

reti di drenaggio urbano - Foroni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Ultima tappa degli incontri sui nuovi regolamenti regionali

Sburocratizzazione e applicazione graduale, attraverso vari step, per dirimere criticità e problematiche riscontrate dai Comuni e dai diversi stakeholder con le reti di drenaggio urbano.
È questo l’indirizzo di Regione Lombardia per andare incontro alle esigenze delle comunità lombarde nell’adeguamento alla tutela e risanamento delle acque e alla gestione delle acque meteoriche non contaminate.

Programmazione delle acque è prioritaria nell’agenda regionale

“Il tema delle acque considerato dai due regolamenti regionali ha un’importanza rilevante, anche in rapporto alle condizioni climatiche estreme che stiamo sempre più spesso vivendo”. Lo ha detto l’assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni al terzo e ultimo incontro che si è svolto a Milano, dopo Lecco e Brescia, rivolto ai portatori d’interesse del settore, sulle novità e applicazioni, intervenuti in tema di invarianza idraulica e scarichi idrici a seguito dei nuovi regolamenti regionali.

Tematiche acque all’interno della partita su rigenerazione urbana

Tematiche centrali all’interno della grande partita sulla rigenerazione urbana, il cui progetto di legge sarà approvato definitivamente nell’autunno dal Consiglio regionale, nell’ottica di una politica urbanistica chiara e definita, volta a rendere più sicure, più belle e sostenibili le città lombarde.

Lavoro graduale

“Abbiamo portato avanti, in questi mesi, un lavoro – ha detto Foroni – di graduale accompagnamento per i piccoli Comuni che non hanno gli strumenti per affrontare i nuovi regolamenti ed adeguarvisi”. “In questa direzione – ha aggiuno – è andata anche la proroga, limitatamente alle ristrutturazioni, per l’entrata in vigore del regolamento relativo all’invarianza idraulica delle acque, sempre nell’ottica del dialogo e dell’ascolto ma senza far venir meno l’obiettivo principale del nostro programma, ossia quello di rendere la rigenerazione urbana più conveniente”.

Consumo suolo pari a zero

“La mission di Regione Lombardia – ha concluso – è di arrivare nei prossimi anni un consumo di suolo pari a zero”.

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

bando ri-genera incremento
Assessore Enti locali: misura arriva a un totale di 28 milioni Via libera all'incremento della dotazione finanziaria del Bando regionale RI-GENERA con 13.903.966 euro. Bando RI-GEN ...
Villa di Chiavenna
Il percorso montano collega con la vicina Svizzera Via libera allo schema di convenzione tra Regione Lombardia,
piani di bobbio valtorta artavaggio
Sottosegretario Sport: risorse per i comprensori sciistici ed escursionistici Assessore Montagna: ricadute positive per occupazione e sviluppo
L'elenco dei Comuni ricadenti nei sub-ambiti territoriali Regione Lombardia ha individuato i potenziali
transorobica-secondo-lotto-collegamento
Sottosegretario sport: impulso importante per offerta sportiva e cicloturistica, anche in vista dei giochi invernali Approvata convenzione tra Regione, Provincia di Lecco e comunità mont ...
comunità energetiche manifestazione interesse
Prende il via giovedì 28 luglio, in Lombardia, la Manifestazione d'interesse per la presentazione di progetti di Comunità Energetiche Rinnovabili (CER). Si tratta di una p ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima