riccagioia polo agritech

Assessore ha presentato il percorso. Arrivate quattro proposte, ora progetti esecutivi

“Si è chiusa la ‘fase 1′: abbiamo raccolto le proposte progettuali per il rilancio del sito di Riccagioia come polo agritech. Immaginiamo un futuro votato all’agricoltura, al turismo e alla valorizzazione di tutto il territorio dell’Oltrepò Pavese“. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, che ha incontrato proprio a Riccagioia, sul territorio comunale di Torrazza Coste (Pavia), i rappresentanti istituzionali del territorio.
“Si è parlato tanto di questo sito, ora è il momento dei fatti. Stiamo procedendo con gradualità, prima la manifestazione di interessa – ha ricordato – e ora il bando, per arrivare all’obiettivo e soprattutto con un coinvolgimento di tutti gli attori del territorio”.

Le proposte sul tavolo di Ersaf

La Regione Lombardia, tramite Ersaf, ha raccolto quattro proposte progettuali attraverso la manifestazione di interesse: una riguarda la realizzazione di un HUB Agri 4.0 con partner selezionati, la seconda concerne la realizzazione di un sito turistico ricreativo, la terza si basa sulla realizzazione di un Parco Tematico e l’ultima è un contributo metodologico per l’orientamento del progetto.

Siamo nella ‘fase 2’ fino al 31 ottobre

“Ora – ha detto l’assessore – siamo alla ‘fase 2’. Ovvero quella dei progetti esecutivi e dei piani economici e finanziari, da presentare entro il 31 ottobre. Come modello gestionale abbiamo scelto la costituzione di una fondazione di scopo”.

Valutazione dei progetti esecutivi

“Entro fine anno – ha spiegato – Ersaf provvederà a effettuare tutte le attività di valutazione dei progetti esecutivi presentati e utili alla decisione di assegnazione del progetto. Quindi, entro febbraio 2021 intendiamo assegnare il progetto e partire con tutte le attività di start-up operative”. “La sfida del futuro in agricoltura – ha sottolineato – è la sostenibilità, sia ambientale che economica, che si realizza solo con l’innovazione in tutti i campi”.

Accompagnare l’innovazione nelle aziende

“Dobbiamo e vogliamo – ha continuato – accompagnare l’innovazione nelle aziende per renderle più competitive e in grado di essere in linea con le sfide che i consumatori chiedono in termini ambientali. Digitale, robotica, genetica e utilizzo sostenibile della chimica sono solo alcuni temi sui quali si concretizza l’agricoltura del futuro che deve vederci protagonisti”.

L’obiettivo di Regione Lombardia

L’obiettivo della Regione Lombardia è quello di costituire a Riccagioia un bacino di tech-ingegneria applicata al settore primario e agroindustriale che si integri con il settore del turismo a livello agro-enologico, in grado di stimolare e valorizzare il territorio dell’Oltrepò. Tutto questo è volto a favorire lo sviluppo di un’economia sostenibile, basata sulla biodiversità locale, la tutela e valorizzazione del prodotto tipico.

Riccagioia base di sviluppo iniziale

“Riccagioia – ha spiegato – sarà la base di sviluppo iniziale e si evolverà nel tempo, sia dal punto di vista dei contenuti che di associazione, coinvolgendo e avendo riscontri evidenti su tutto il territorio”.

Le potenzialità dell’Oltrepò Pavese

“L’Oltrepò – ha concluso Rolfi – ha potenzialità enormi e intendiamo sfruttarle. Sia per il bene economico della zona che per una giusta valorizzazione dello straordinario patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico”.

gus

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0