Rimozione amianto da edifici privati, Cattaneo: al via bando da 1 milione

rimozione amianto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Al via da lunedì 18 gennaio, alle ore 10, il bando da 1 milione di euro per sostenere i cittadini lombardi che vogliono rimuovere dai loro edifici coperture e manufatti contenenti amianto. Lo rende noto l‘assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo.  

Le domande potranno essere presentate on-line fino alle ore 16 del 1° marzo 2021, attraverso la piattaforma Bandi online (www.bandi.regione.lombardia.it).

Le priorità della Giunta

“Tra le priorità della Giunta di Regione Lombardia – dice Cattaneo – c’è la  rimozione completa dell’amianto da ogni edificio, pubblico e privato, in cui è ancora presente”.

Finanziamenti a fondo perduto fino a 15.000 euro

Il bando ha una dotazione di 1 milione di euro. I finanziamenti saranno a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 50% dell’importo ammissibile. E, in ogni caso, con una soglia massima di contributo pari a 15.000 euro per intervento.

Copertura delle spese per la rimozione di amianto

Saranno finanziate le spese per la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti amianto (cemento-amianto, vinyl-amianto, amianto friabile), oggetto di denuncia all’Agenzia per la tutela della salute (Ats) competente, alla data di presentazione della domanda di finanziamento.

Cosa può essere sostenuto

Potranno quindi essere sostenuti unicamente i progetti i cui lavori saranno iniziati e realizzati dal giorno successivo alla data di pubblicazione del bando sul Burl, il Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.

Chi riceverà i contributi

Riceveranno pertanto contributi i lavori per i quali non sia stato ottenuto altro finanziamento pubblico. Nonchè gli interventi che saranno realizzati nei Comuni lombardi e quelli che si concluderanno entro il 15 ottobre 2021.

Cosa è ammesso

Sono altresì ammessi i costi per i lavori di rimozione, trasporto e smaltimento dei manufatti. Nonchè gli oneri della sicurezza e amministrativi relativi all’esecuzione dei lavori di rimozione. Come: ponteggi, allestimento  cantiere, predisposizione e presentazione del piano di lavoro.

Ci auguriamo un’ampia adesione

“Questo contributo economico – conclude l’assessore – dimostra tangibilmente quanto Regione Lombardia voglia essere accanto ai cittadini nella salvaguardia dell’ambiente e della salute. Ci auguriamo quindi che possa incontrare un’ampia adesione”.

ama

 

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Lupi in pericolo
Regione Lombardia e Provincia Brescia aderiscono a progetto Ue Migliorare la coesistenza fra i lupi, attualmente in pericolo, e le persone che vivono e lavorano sulle Alpi. Obiettivo, real ...
fotovoltaico
Assessore: puntiamo su riduzione consumi energetici e sviluppo rinnovabili Riduzione di circa un terzo dei consumi di energia e raddoppio della quota di produzione di energia da fonti rinn ...
lago di Varese
L'andamento dei dati conferma, presso il Lago di Varese, il rispetto di tutti i parametri necessari per la balneabilità. E mostra inoltre come non ci siano state alterazioni sulla qualità delle a ...
Il sito riveste un’importanza strategica per sicurezza energetica del Paese La Giunta Regionale della Lombardia ha approvato, su proposta dell'assessore all'Ambiente e clima, lo schema d ...
attività estrattive lombardia
Documento rappresenta sintesi tra necessità industria estrattiva e comunità locali È stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima