piano pandemico

“Invito il ministro Speranza a chiarire immediatamente quanto scritto nel nuovo Piano Pandemico in particolare sui fragili: parlando di etica e di responsabilità vorrei capire bene quale sentimento stia guidando la stesura di un Piano così rilevante per il futuro e la salute di tutti. Il nuovo Piano Pandemico 2021-2023 dice nero su bianco che quando le risorse sono insufficienti rispetto alle necessità, i principi di etica possono consentire di fornire trattamenti necessari in via preferenziale a quei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio”. Lo dichiara Alessandra Locatelli, assessore alle Politiche Sociali, Famiglia e Disabilità di Regione Lombardia.

“Cosa significa questo?” prosegue l’assessore. “Può essere che il Governo intenda dire che le persone con disabilità, i più fragili, i malati cronici o di malattie rare e gli anziani avranno meno diritto di altri ad avere accesso a tutte le cure?”.

Piano pandemico e i fragili

“Le persone più fragili – conclude l’assessore Locatelli – sono già state sacrificate e penalizzate in questa grave emergenza. Non è accettabile nessun criterio programmato di discriminazione del diritto alla salute. Tutti i cittadini hanno il sacrosanto diritto di avere le stesse possibilità di salvarsi, sempre”.

mac

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 2.3 / 5. Voti: 3