Fiume Po. Progetto rinaturazione va rivisto, Regione: accolte perplessità

rinaturazione Po
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Soddisfazione della Regione espressa da assessori Beduschi, Comazzi, Sertori e Maione

Il progetto di rinaturazione del fiume Po, finanziabile con i fondi del PNRR, non si può realizzare nella sua forma attuale. Va quindi profondamente rivisto. Per questo AIPO (Agenzia Interregionale per il fiume Po), soggetto attuatore dell’intervento, ha inviato ai Ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente, oltre a tutti gli organi competenti, una comunicazione in cui è sospesa la determinazione conclusiva a seguito della Conferenza dei Servizi.

Soddisfazione a riguardo viene espressa da Regione Lombardia, attraverso gli assessori Alessandro Beduschi (Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste), Gianluca Comazzi (Territorio e Sistemi verdi), Massimo Sertori (Enti Locali, Montagna, Risorse energetiche, utilizzo risorsa idrica) e Giorgio Maione (Ambiente e Clima).

“Il progetto – dicono gli assessori – avrebbe utilizzato quasi 360 milioni di euro per trasformare il Po. Tornando indietro di decenni e, di fatto, tagliando il rapporto vitale tra il fiume e il territorio circostante. Penalizzando, inoltre, settori economici vitali per la Lombardia e con effetti ambientali altrettanto dubbi”.

“Le oltre mille pagine inviate a tutti i portatori di interesse in pieno agosto, infatti, richiedevano pareri e osservazioni in pochi giorni. Avviando di fatto un procedimento che avrebbe comportato vincoli e procedure di esproprio. Senza dimenticare i pareri fortemente contrari di molte categorie produttive. Dando allo stesso tempo poco tempo ai territori di intervenire”.

Rinaturazione Po, i punti critici del progetto

Tra i punti maggiormente critici del progetto, la creazione di golene naturali che disperderebbero ulteriormente le acque del fiume. Tutto ciò in un momento storico già caratterizzato da forti cambiamenti climatici. Con impatti negativi per la navigazione e soprattutto per il sistema irriguo a servizio del più importante sistema agricolo nazionale.

Inoltre, la coltura del pioppo nelle golene sarebbe messa in difficoltà. “Un autogol clamoroso – dicono gli assessori -. I pioppeti, oltre a rappresentare un’icona paesaggistica e il più importante polmone verde della pianura Padana, alimentano l’industria mobiliera italiana. Una situazione paradossale, che avrebbe impedito la coltivazione di una risorsa fondamentale e costretto il settore a dipendere dalle importazioni di legno dall’estero”.

Regione Lombardia – concludono i quattro rappresentanti della Giunta regionale – è pronta a fare la sua parte per rivedere il progetto, che deve basarsi su elementi certi come la sicurezza idrogeologica, la salvaguardia dell’ambiente e la tutela del comparto agricolo”.

Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

roberta guaineri
“Esprimo, a nome dell’intera Giunta, il cordoglio della Regione Lombardia per la
sindaci regione lombardia
“Grazie ai sindaci che per la prima volta svolgeranno questo incarico, a quanti si sono confermati alla guida delle loro comunità e, insieme agli auguri di buon lavoro, la prome ...
turismo lombardia strutture ricettive
È stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore a Turismo, Market ...
autonomia modello stati moderni
“L’approvazione dell’Autonomia chiude un percorso durato 30 anni che si basa sul principio del ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima