rinvio plastic tax

La sostenibilità non si ottiene con balzelli, innovazione chiave per equilibrio tra tutela ambiente e economia

“Il rinvio della plastic tax al 2022 è una soluzione temporanea ma servono più coraggio e visione: chiediamo che venga cancellata del tutto. In periodo di pandemia è impensabile gravare sulle imprese, procrastinando incertezza, anche perché la sostenibilità ambientale non si ottiene con tasse e balzelli, ma con l’innovazione che è la chiave di equilibrio tra ambiente e redditività delle imprese”. Così l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi è intervenuto, nella mattinata di martedì 21 settembre, all’incontro sulla transizione ecologica organizzato da Granarolo. Dove si è parlato anche del rinvio della plastic tax.

Agricoltura italiana sostenibile

“Non siamo all’anno zero. L’agricoltura italiana – aggiunge – è già la più sostenibile d’Europa sotto il profilo ambientale e ha già raggiunto alcuni obiettivi indicati dalla ‘Farm to fork‘. Lo stesso vale per la nostra zootecnia. Che è la più attenta e performante in Europa anche per benessere animale e riduzione di uso del farmaco. Secondo quanto emerso dal rapporto della fondazione Symbola, l’agricoltura italiana ha una quantità di emissioni nettamente inferiori a quelle di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna. Il settore in dieci anni ha ridotto del 20% l’uso di pesticidi, a fronte di un aumento in altri paesi europei, ha aumentato l’utilizzo e la produzione di energie rinnovabili e ha ridotto i consumi di acqua”.

Agroenergie ed economia circolare

“Per migliorare ancora – ha spiegato – è necessario puntare sulle agroenergie e sull’economia circolare, con impianti green che trasformino la materia organica in energia, e riconoscere finalmente il digestato come fertilizzante. La Lombardia – ha concluso – ha 450 impianti di biogas agricolo sui 2.000 presenti in Italia. Più materia organica significherebbe meno sostanza chimica nei campi”.

gus

 

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 5 / 5. Voti: 1