Roberto Calasso

“La scomparsa di Roberto Calasso ci rende tutti più poveri e più soli. Piangiamo la perdita di un grande uomo, un intelligente scrittore, un intellettuale di razza, ma anche un imprenditore coraggioso che con i suoi libri ha divulgato il pensiero libero, il sapere, il bello che ci circonda e il male che non possiamo ignorare. Con le sue traduzioni di Kafka, Kundera e Kraus, solo per fare tre nomi, ha sdoganato la cultura mitteleuropea nel Paese”. Lo afferma Stefano Bruno Galli, assessore della Regione Lombardia all’Autonomia e Cultura.

Il papà della casa editrice Adelphi

“Roberto Calasso – prosegue l’assessore lombardo – l’anno prossimo avrebbe festeggiato i primi 60 anni della sua meravigliosa creatura, la casa editrice milanese Adelphi, che ha fatto della qualità e della libertà il tratto distintivo dei suoi libri, un sogno diventato realtà che andrà oltre il suo fondatore e ‘padre’”.

Grande scrittore e scopritore di talenti

“Calasso, infatti, è stato – continua l’assessore lombardo – ancora di più: un grande scrittore in primis, uno scopritore di talenti, un uomo che guardava al domani senza perdere di vista il presente che gli era toccato in sorte di vivere”.

Sarà ricordato nel modo migliore

“La Regione Lombardia – ha concluso l’assessore Galli – saprà ricordarlo nel modo migliore”.

gus

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 4 / 5. Voti: 1