Sanità, Bertolaso: al lavoro per dare risposte rapide su liste d’attesa

Sanità Liste d'attesa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Commissione Covid? Lombardia lasciata sola da chi governava

“Stiamo lavorando, in tema di sanità,  per dare risposte ai cittadini sulle liste d’attesa. Quando chiedono visite specialistiche, devono avere la garanzia di un appuntamento entro un determinato periodo di tempo”. Così il nuovo assessore al Welfare, Guido Bertolaso. L’annuncio durante la conferenza stampa dopo giunta alla quale ha partecipato con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Bertolaso ha sottolineato di considerare “un privilegio” l’essere stato chiamato a dare una mano in un settore dove negli ultimi due anni aveva già dato un contributo.

“Si dice – ha detto scherzando – che ‘non c’è due senza tre’.  Questa è infatti la mia terza esperienza dopo la realizzazione dell’ospedale in Fiera e la campagna di vaccinazione anti-covid massiva”.

Sanità, liste d’attesa e tempi certi

Tornando sulla questione lista d’attesa, Bertolaso ha sottolineato come non sia “un problema che riguarda solo la Lombardia, anzi in Lombardia la situazione è migliore che in altre parti d’Italia.  Si tratta di una questione organizzativa che è già stata affrontata e che sicuramente porteremo a buon fine con l’aiuto del personale sanitario”.

Commissione d’inchiesta

Bertolaso è tornato a richiedere a gran voce una Commissione d’inchiesta sul Covid. “Credo sia significativo e importante – ha sottolineato – quello detto dal presidente del Consiglio. Sono stato il primo a chiederla e a ribadirlo. Quello che è successo in Italia non può passare sotto silenzio. Quello che è successo in Lombardia non può e non deve essere dimenticato. Ho visto, in silenzio, lavorare medici e infermieri spesso senza Dpi. In emergenza è lo Stato nazionale a doverli fornire. Oltre a chiudere persone in casa, il Governo non ha fatto nulla”.

Per l’assessore al Welfare, dunque, tutto ciò è sufficiente a giustificare la richiesta di una Commissione di inchiesta che faccia luce su “perché tutto questo è accaduto”.

Lombardia lasciata sola

“Ribadisco, la Lombardia è stata lasciata sola. Non ho visto ministri in Lombardia, come qui non ho visto altri vertici dello Stato preposti all’emergenza. Ho visto solo video conferenze. Non è con i collegamenti via internet – ha concluso Bertolaso – che si risolvono i problemi” .

Ottimizzato per il web da:
Monica Ramaroli

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

riforma autonomia fontana
“Le contestazioni sulla riforma relativa all'autonomia differenziata denotano una mancanza di seri ...
stati generali fontana
“Siamo confortati dal riconoscimento di Moody’s sul rating. La Lombardia è definita infatti una regione con una ‘ricca base imponibile’ e con una importante ‘flessibilit ...
milano cortina 2026 chiaravalle
Pensare all'abbazia di Chiaravalle, poco fuori Milano, come riferimento spirituale del Villaggio Olimpico di Milano-Cortina 2026. Un'idea sulla qu ...
farmacie lombardia holter
Dal martedì giugno 2024, i cittadini residenti o domiciliati in Lombardia, con esenzione per patologie cardiovascolari, potranno accedere gratuitamente nelle farmacie lombarde ai servizi di teleme ...
regione lombardia avis sangue bertolaso
Un appello ai volti noti dello sport, dello spettacolo e della TV a diventare testimonial dell'importanza della donazione del sangue e del plasma. Lo ha lanciato l'assessore regionale al Welfare, < ...
case popolari legalità
“Regione Lombardia sta attuando un piano senza precedenti, da 1,5 miliardi di euro, per l’edilizia residenziale pubblica e gli alloggi a canone agevolato. Il programma, denominato ‘Mi ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima