Regione Lombardia snellisce le norme sul tutoraggio e amplia il servizio. “Così da essere ancora più vicina a chi vuole investire”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, dopo l’approvazione in Giunta del provvedimento da lui proposto, che riduce anche gli oneri per gli investitori che hanno già aderito al ‘Bando Attract‘.

Favorire la crescita e lo sviluppo economico

“Oggi più che mai – ha commentato l’assessore – abbiamo bisogno di creare condizioni che facilitino crescita e sviluppo economico del territorio. L’obiettivo di Regione Lombardia è dunque snellire le norme e ampliare il servizio sul tutoraggio per rendere le procedure amministrative talmente snelle da consentire di produrre in tempi certi e rapidi”.

Tutoraggio, Lombardia amplia il servizio: gli obiettivi

“Il nuovo servizio di tutoraggio approvato in Giunta (previsto dalla l.r. 20 del 2020) – ha precisato l’assessore – offre ai promotori dei più significativi progetti d’insediamento produttivo un accompagnamento dedicato al disbrigo dei procedimenti amministrativi. Attività unita a diverse opportunità per orientare ed aiutare ad inserire l’investitore nel contesto economico lombardo”.

Il servizio è disponibile a supporto sia di nuove iniziative imprenditoriali che di progetti di trasformazione e ampliamento di impianti già attivi. Come pure per interventi di reshoring di attività precedentemente delocalizzate.

Accrescere l’attrattività lombarda per gli investitori

La finalità è aumentare l’attrattività della Lombardia e contribuire a creare un contesto ambientale via via più favorevole agli investimenti. Così da concorrere al superamento dei principali gap competitivi dei nostri territori rispetto ai competitori esteri.

Iniziative di comunicazione per divulgare il servizio

Iniziative di promozione saranno attivate sui siti istituzionali e sui social media. Come pure attraverso l’invio di mail, per divulgare il servizio e farlo conoscere alla platea dei potenziali soggetti interessati, agli Enti e alle istituzioni di riferimento del tessuto economico-produttivo regionale e nazionale.

“Un potenziamento necessario – ha concluso l’assessore – soprattutto in questo periodo per uscire dalla crisi provocata dalla pandemia Covid-19”.

rft/ama