Variante ferroviaria Cascina Polaresco, ok alla compatibilità ambientale

variante ferroviaria Cascina Polaresco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Da Regione Lombardia il parere al Ministero

Ulteriore passo avanti dell’iter per la realizzazione del raddoppio sulla linea ferroviaria Ponte San Pietro-Bergamo, in particolare della variante in prossimità della Cascina Polaresco nel Comune di Bergamo. Regione Lombardia ha espresso, infatti, al ministero dell’Ambiente e Sicurezza energetica il parere positivo in merito alla compatibilità ambientale dell’opera. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dall’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo. Con questo atto sono stati espressi alla commissaria straordinaria dell’opera anche il parere favorevole e l’intesa regionale rispetto al progetto di variante.

Cattaneo: opere complesse

“Gli interventi infrastrutturali necessari al potenziamento della rete ferroviaria – ha detto Cattaneo – sono opere complesse. E come tali prevedono anche la predisposizione di importanti studi di impatto ambientale necessari alla valutazione degli impatti nei territori dei comuni interessati. La mobilità pubblica è strategica per la riduzione delle emissioni di CO2. Per questo motivo continuiamo a investire risorse su questo settore studiando le soluzioni a servizio e rispettose dei territori”.

Attraverso la condivisione del parere al ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e alla commissaria straordinaria dell’opera, si può passare alla fase successiva. Quella deputata all’espressione del giudizio di compatibilità ambientale da parte del Ministero e all’approvazione del progetto.

La variante

L’intervento fa capo al più ampio progetto di raddoppio ferroviario della linea Ponte S. Pietro-Bergamo-Montello, propedeutico al potenziamento dei servizi attualmente esistenti tra Milano-Porta Garibaldi e Bergamo.

La variante, lunga circa 1 km, si è resa necessaria in quanto il progetto originale del Lotto 2 (opere relative al raddoppio ferroviario della tratta Curno-Bergamo, già oggetto di provvedimento di compatibilità ambientale positivo emanato dal MiTE) prevedeva la demolizione del ponte che scavalca la ferrovia in prossimità della Cascina Polaresco, in Comune di Bergamo, successivamente dichiarato di interesse storico.

Con la variante si realizzerà un nuovo binario che si scosta dal tracciato della sede ferroviaria esistente per evitare l’interferenza con il ponte in prossimità della Cascina Polaresco.

Ottimizzato per il web da:
Fausta Sbisà

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Idrogeno H2ma
La Regione fa un altro passo avanti propedeutico alla diffusione dell'idrogeno verde. Con una delibera approvata dalla Giunta, ...
giorni della merla
Tradizione rispettata per quanto riguard i 'Giorni della merla del 2023'. La mattinata del 30 gennaio, infatti, ha fat ...
Varese Lago
Definiti i prossimi step per il risanamento del Lago di Varese. Tra questi: ulteriore tutela delle aree protett ...
idrogeno lombardia
Favorire la produzione di idrogeno rinnovabile nelle aree industriali dismesse della Lombardia. E' questo l'obiettiv ...
qualità aria Lombardia 2022
Qualità dell'aria in Lombardia: nel 2022 i livelli di biossidi di azoto (NO2) risultano tra i più bassi di sempre. Inoltre, per il Pm10 per il settimo anno dal 2014 (con le eccezioni del 2015 e d ...
L'assessore regionale all'Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha preso ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima