Autismo, a Curtatone presentato ‘In e Aut’ progetto pilota di coabitazione

autismo coabitazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

È stato inaugurato presso la Corte San Lorenzo a Curtatone (MN) un nuovo servizio residenziale sperimentale denominato ‘In&Aut’. Si tratta di progetto di co-housing, che coinvolge cinque adulti in una soluzione residenziale innovativa, in grado di offrire opportunità abitative indipendenti a persone con autismo e di garantire loro un incremento della qualità della vita.

Il servizio nasce da un progetto pilota finanziato da Regione Lombardia con la Cooperativa sociale CSA di Mantova in qualità di ente capofila del partenariato. Si pone infatti come obiettivo principale la deistituzionalizzazione e la coabitazione di persone adulte con sindrome dello spettro autistico a basso funzionamento a elevata intensità di sostegno (LIV3 DSM5). Si tratta di persone provenienti infatti da strutture residenziali, semi-residenziali o da percorsi di accompagnamento all’autonomia conclusi.

Modello di vita comunitaria

Il servizio sorgerà infatti in un’ala della cascina San Lorenzo, corte agricola totalmente riqualificata, situata presso l’omonima frazione di San Lorenzo, nel comune di Curtatone.
Il progetto di co-housing ‘In&Aut’ è, infatti, un modello di vita comunitario, in cui persone con esigenze diverse vivono insieme e condividono spazi e ambienti. A differenza dei tradizionali centri residenziali, il co-housing mira quindi a promuovere l’autonomia, l’inclusione e l’integrazione sociale.

Regione Lombardia ha sostenuto il progetto

“Regione Lombardia – ha affermato l’assessore alla Famiglia, Solidarietà Sociale, Disabilità e Pari opportunità, Elena Lucchini – ha voluto sostenere questo progetto per dare una risposta appropriata ed efficace alla complessità dei problemi connessi alla tutela delle persone con disabilità gravissima. Resta, dunque, fondamentale creare le condizioni strutturali e i contesti tecnici innovativi per una integrazione, la più articolata possibile, delle politiche e delle risorse del sistema sociale con quelle del sistema sociosanitario e sanitario”.

Infine, ha concluso l’assessore, “in questa ottica è infatti importante mettere al centro la capacità di un territorio di integrare interventi di sostegno abitativo e sociale con specifici supporti di cura, assicurando la qualità di vita delle persone che scelgono di co-abitare. La persona diviene protagonista del proprio progetto di vita, tenuto conto delle sue risorse, dei suoi bisogni, delle sue relazioni, dei suoi desideri ed obiettivi, in un’ottica di affermazione del diritto all’autodeterminazione”.

Risorse

Costo complessivo progetto per il biennio ’22/’24: 1.050.000 euro; finanziamento ddn regionale per il biennio ’22/’24: 504.000 euro; voucher sociosanitario regionale per il biennio ’22/’24: 198.000 euro; cofinanziamento: 348.000 euro.

Rete sociale

L’esperienza pilota, come richiesto dalla delibera regionale, è quindi collocata all’interno di una solida filiera di servizi che opera in partnership in modo strutturato. L’ente capofila CSA è supportata nella realizzazione del progetto da varie associazioni operanti sul territorio dell’ATS Val Padana. Sono state scelte per la loro competenza ed esperienza, la collaborazione con le istituzioni, la fiducia delle famiglie e la buona rete formale e informale. Fra queste: Coprosl, Ambito territoriale del Piano di Zona di Mantova, partner; Fondazione Sospiro, partner; Associazione San Lorenzo, partner; Fondazione Futuro, partner; Associazione La Sfida, partner; Associazione Aga, partner;

Legge sul Dopo di Noi

La legge n. 112/2016 ‘Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilita grave prive del sostegno familiare’, cosiddetta Dopo di Noi, ha sistematizzato le misure di assistenza, cura e protezione delle persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, e prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare.

 

[post-views]

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

minori autorità giudiziaria
"Nella giornata odierna la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha avanzato la proposta al ...
Golgi Redaelli
Auguri speciali per gli ultracentenari ospiti del Golgi Redaelli di Milano. A portarli, a nome della
festival lombardo inclusione
Festival lombardo dell'inclusione, una giornata speciale per persone speciali. Si è svolta a Palazzo Lombardia nel quadro delle iniziative per la Giornata internazionale delle persone con disabili ...
Minori Tavolo regionale
Il Tavolo 'Politiche Area Minori' presieduto dall'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità
dsa disabilità lombardia
Ulteriori risorse per la misura a favore delle persone con disabilità e DSA in Lombardia. La

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima