Piazza: con l’autonomia Lombardia più forte in Europa

autonomia europa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Con riforma, Regione pronta al marchio 'Made in Lombardy'

“Mi è spiaciuto leggere le affermazioni del presidente nazionale di Coldiretti, Ettore Prandini, sull’autonomia. Sono pronto a incontralo per illustrargli, insieme al presidente Fontana, il grande lavoro fatto in questi mesi con tutte le Direzioni ed i rispettivi Assessorati della Regione per calibrare al meglio le funzioni che chiederemmo, nell’ambito delle materie indicate dall’articolo 117 della Costituzione, una volta approvato il DDL Calderoli“. Lo dichiara il sottosegretario della Presidenza della Regione Lombardia con delega all’Autonomia e ai Rapporti con il Consiglio regionale, Mauro Piazza, che così replica al presidente di Coldiretti che, intervenendo durante un evento a Milano, ha espresso perplessità sulla delega alle Regioni di competenze in materia di internazionalizzazione delle filiere agroalimentari.

Autonomia nel segno della concretezza

“Abbiamo affrontato l’esame delle richieste di maggiore autonomia con un approccio concreto. Il tutto all’insegna della modularità e gradualità. Siamo partiti  dall’individuazione di un primo nucleo di competenze da attribuire, nell’ambito di un processo pluriennale e progressivo. Abbiamo coinvolto tutti gli attori istituzionali e stakeholders, tra cui anche Coldiretti. In particolare – ha sottolineato Piazza – nelle richieste di Autonomia, per quanto riguarda il commercio con l’estero siamo pronti a chiedere la possibilità che la Regione Lombardia possa istituire marchi made in Lombardy“. “E anche marchi collettivi – ha aggiunto – indicanti l’origine geografica dei prodotti, accessibili a tutti i produttori europei. Questo per valorizzare le nostre eccellenze attraendo investimenti con il marketing territoriale”.

Lombardia protagonista nell’UE

Così come, ha proseguito l’esponente di Palazzo Lombardia, “nell’ambito della materia che riguarda i rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni, chiederemo al Governo di potenziare la partecipazione della Lombardia alla formazione delle politiche e delle decisioni dell’UE (fase ascendente) e all’attuazione della normativa europea sul piano interno (fase discendente). Un’azione per tutelare i lombardi. E far quindi sì che si possa evitare che a Bruxelles vengano prese delle decisioni che affossano i settori strategici della Lombardia. Proprio come abbiamo visto recentemente con l’approvazione della legge sul Ripristino della natura“.

Ottimizzato per il web da:
Paolo Guido Bassi

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Maestri sci Lombardia
Rendere la professione dei maestri di sci  della Lombardia semprepiù attrattiva e funzionale anche con nuove modalità di accesso ...
missione regione chicago
Dopo Washington, la missione istituzionale negli Stati Uniti che vede impegnati, fino al 26 maggio, il presidente d ...
missione regione lombardia usa
Missione istituzionale negli Stati Uniti, fino a domenica 26 maggio, per il presidente della Regione Lombardia, l'ass ...
scherma contro cancro lombardia
L'attività sportiva come aiuto per mitigare gli effetti avversi delle cure oncologiche. La scherma contro il cancro.  Con questo obiettivo la Giunta regionale ha approvato l'acco ...
accordo csi milano
La Giunta regionale ha approvato un protocollo di intesa tra Regione Lombardia e il C ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima