bando innodriver

F. Sala: pieno sostegno a chi punta su ricerca e innovazione

Sono 413 le domande pervenute a Regione Lombardia per la partecipazione al Bando Innodriver. La misura sostiene progetti di innovazione tecnologica, invenzioni industriali, e processi di brevettazione europea e internazionale.

Il Bando, lanciato dall’assessorato Ricerca, Innovazione, Università e Istruzione di Regione Lombardia, ha l’obiettivo di accrescere la competitività delle piccole e medie imprese e accelerare l’innovazione tecnologica.

L’83% delle adesioni (341 domande) è stato ammesso e finanziato. Il totale di contributi concessi è di poco superiore a 7 milioni di euro. Per un investimento sul territorio di oltre 14 milioni di euro.

Imprese e liberi professionisti tra i beneficiari

bando innodriver

“Un grande risultato – ha commentato l’assessore Fabrizio Sala – perché con queste misure contribuiamo a rendere le nostre imprese sempre più competitive finanziando progetti tecnologici e innovativi”. “Abbiamo voluto favorire i tantissimi liberi professionisti titolari di partita Iva operativi in Lombardia – ha aggiunto l’assessore – inserendoli tra i beneficiari. Sono convinto che con il loro lavoro rappresentino un valore aggiunto per l’economia del tessuto lombardo”.

Finanziamento per 221 domande sulla misura che prevede progetti svolti in collaborazione tra PMI o liberi professionisti e Centri di Ricerca e Trasferimento Tecnologico. Quindi 34 domande per le proposte che avevano ottenuto il ‘Sea of Excellence’ del Programma Europeo ‘Horizon 2020‘. E 86 domande per sostenere i brevetti europei e internazionali delle imprese lombarde.

La distribuzione dei contributi sui territori

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, la provincia di Milano risulta essere la prima sia per contributi concessi (più di 3 milioni di euro) sia per investimenti complessivi attivati (oltre 6 milioni di euro).

In termini di attrattività, si registrano 8 imprese con sede operativa fuori regione, che si sono impegnate ad aprire una sede operativa in Lombardia per realizzare l’intervento ammesso.

Con Innodriver Lombardia è regione attrattiva

“È significativo – ha aggiunto l’assessore Fabrizio Sala – che un’impresa decida di aprire una sede in Lombardia per realizzare proprio i progetti innovativi finanziati da Regione con questo bando. Testimonia la bontà del nostro intervento. Che fa da volàno all’economia del territorio con ricadute positive anche in termini di occupazione”.

“Ricerca e innovazione – ha proseguito Sala –  sono anche fattori chiave per il lavoro e per la creazione di nuove competenze professionali”.

Estensione del bando ai liberi professionisti

Il manifatturiero avanzato è l’area di Specializzazione con il maggior numero di progetti finanziati e un contributo complessivo di circa 2,3 milioni.

In questa edizione, per la prima volta, la partecipazione, per la Misura A e la Misura C, è estesa anche ai liberi professionisti. Inoltre, vengono introdotti significativi elementi di semplificazione amministrativa: riducendo il carico amministrativo per i beneficiari in fase di rendicontazione economica (determinazione di alcune voci di spesa in base a tassi forfettari e riconoscimento del contributo in quota fissa) e promuovendo la rendicontazione di risultato.

Innodriver, le misure di intervento

Le due misure, per le quali sono  stanziati 20 milioni di euro, serviranno ad accelerare i processi di innovazione dell’imprenditoria lombarda; a sostenere la competitività di micro, piccole e medie imprese lombarde anche a livello internazionale.

Nello specifico, le due nuove misure sono articolate in modo da sostenere due specifici ambiti.

I 19 milioni della misura Tech Fast

bando innodriver

Il primo, ‘Tech Fast’, finanzierà con 19 milioni di euro i progetti di sviluppo sperimentale e le innovazioni tecnologiche e digitali – relative ad esempio a Cybersecurity, Cloud, Big Data, Manifattura Additiva – delle PMI.

Il sostegno previsto sarà infatti pari al 50% delle spese ammissibili. Fino quindi a un massimo di 250.000 euro per soggetto.

La spesa minima richiesta per progetti, di sviluppo sperimentale e di innovazione di processo, connessi alle aree di specializzazione intelligente (S3) di Regione Lombardia, è di 80.000 euro per soggetto. Dovranno essere realizzati da ciascuna PMI in una sede operativa sul territorio Lombardo.

Brevetti 2021

La seconda, ‘Brevetti 2021’, contribuirà con 1 milione di euro alle spese per l’ottenimento di brevetti europei e internazionali, o per una loro estensione, da parte delle micro, piccole e medie imprese.

I contributi

I contributi varieranno infatti a seconda della tipologia di brevetto e saranno pari all’80% dei costi (forfettari) del percorso di brevettazione. Si avrà 5.680 euro per un nuovo brevetto/estensione europeo e, quindi, 7.200 euro per un nuovo brevetto/estensione internazionale.

Innodriver, obiettivo favorire investimenti imprese

“Regione Lombardia attraverso le misure presentate e i nuovi interventi che si attiveranno a valere sulla Programmazione Comunitaria 2021-2027 – ha concluso l’assessore  Sala – continua a favorire gli investimenti delle imprese in ricerca e sviluppo. Motori di progresso e innovazione che generano ricadute dirette sulla vita dei cittadini e sul benessere della collettività”.

ben

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0