Disabilità, Locatelli: Lombardia si dota di un Piano di azione triennale

disabilità Piano azione triennale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La Giunta di Regione Lombardia ha approvato il nuovo Par, il Piano d’azione regionale triennale 2021-2023 relativo alle persone con disabilità. La proposta è dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli. Il Par, in linea con la nuova strategia europea sulla disabilità, intende perseguire l’obiettivo di una Regione senza barriere e inclusiva. Le persone devono cioè poter godere dei loro diritti e avere pari opportunità e parità di accesso alla società e all’economia.

Disabilità, Piano d’azione regionale triennale

“Regione Lombardia con il Par – ha spiegato – vuole tracciare la cornice per le future politiche delle persone con disabilità. L’attenzione è anche alle loro famiglie, all’inclusione, all’autonomia e alla centralità della persona. Più in generale il nuovo Piano punta all’accessibilità universale, al benessere e alla cura di tutte le persone più fragili”.

disabilità Piano azione triennaleConfronto col territorio

“Il percorso che intendiamo intraprendere – ha continuato – è il frutto di un costante confronto con le associazioni del territorio e gli altri Assessorati. Insieme – ha sottolineato – enti del terzo settore, istituzioni e pubbliche amministrazioni, concorreremo alla co-programmazione e co-progettazione dei servizi. Tutto ciò per garantire interventi più mirati ed efficaci per i cittadini”.

Centralità della persona

“Nel Piano di azione regionale – ha proseguito – è evidente l’importanza data al progetto di vita e alla centralità della persona, alla vita autonoma e indipendente, all’accessibilità universale e alla presa in carico. Tutto ciò non solo verso una patologia certificata ma soprattutto nel rispetto delle relazioni, del tempo ricreativo, del diritto di scelta e della condivisione dei piani individuali.  Questo avviene con le persone direttamente coinvolte e con le loro famiglie”.

Fondo unico

“L’obiettivo – ha concluso Locatelli – è quello di dar vita a un Fondo unico che possa davvero integrare le risorse sociali, sanitarie e sociosanitarie. Questo per garantire progetti di vita personalizzati dove le diverse competenze, preferenze e caratteristiche individuali diventino un valore aggiunto per la persona e per la comunità”.

gus/ram

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

la casa di gabri rodero
Assessore Politiche sociali in visita al progetto 'Funambolo' di Cantù sostenuto da Regione 'La Casa di Gabri' di Rodero e il progetto 'Funambolo' di Can ...
parchi gioco inclusivi lombardia
Presidente e assessore: finanziati 450 progetti di varie tipologie Fondi a percorsi naturalistici, strutture semi-residenziali e servizi sportivi
appartamenti in centro amicizia codogno
Assessore Politiche sociali visita anche 'L'Officina' con percorsi di inserimento lavorativo per persone fragili L'
Mantova bando 'E-state E+Insieme
Assessore Politiche sociali: realtà lombarde offrono servizi innovativi Tappa nella provincia di Mantova per conoscere le realtà lombarde che operano nel sociale e che hanno organizzato ...
legge caregiver familiare lombardia
In Commissione Sanità la bozza della proposta di legge Nel corso della seduta della Commissione Sanità di
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima