Disabilità, Locatelli: Lombardia si dota di un Piano di azione triennale

disabilità Piano azione triennale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La Giunta di Regione Lombardia ha approvato il nuovo Par, il Piano d’azione regionale triennale 2021-2023 relativo alle persone con disabilità. La proposta è dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli. Il Par, in linea con la nuova strategia europea sulla disabilità, intende perseguire l’obiettivo di una Regione senza barriere e inclusiva. Le persone devono cioè poter godere dei loro diritti e avere pari opportunità e parità di accesso alla società e all’economia.

Disabilità, Piano d’azione regionale triennale

“Regione Lombardia con il Par – ha spiegato – vuole tracciare la cornice per le future politiche delle persone con disabilità. L’attenzione è anche alle loro famiglie, all’inclusione, all’autonomia e alla centralità della persona. Più in generale il nuovo Piano punta all’accessibilità universale, al benessere e alla cura di tutte le persone più fragili”.

disabilità Piano azione triennaleConfronto col territorio

“Il percorso che intendiamo intraprendere – ha continuato – è il frutto di un costante confronto con le associazioni del territorio e gli altri Assessorati. Insieme – ha sottolineato – enti del terzo settore, istituzioni e pubbliche amministrazioni, concorreremo alla co-programmazione e co-progettazione dei servizi. Tutto ciò per garantire interventi più mirati ed efficaci per i cittadini”.

Centralità della persona

“Nel Piano di azione regionale – ha proseguito – è evidente l’importanza data al progetto di vita e alla centralità della persona, alla vita autonoma e indipendente, all’accessibilità universale e alla presa in carico. Tutto ciò non solo verso una patologia certificata ma soprattutto nel rispetto delle relazioni, del tempo ricreativo, del diritto di scelta e della condivisione dei piani individuali.  Questo avviene con le persone direttamente coinvolte e con le loro famiglie”.

Fondo unico

“L’obiettivo – ha concluso Locatelli – è quello di dar vita a un Fondo unico che possa davvero integrare le risorse sociali, sanitarie e sociosanitarie. Questo per garantire progetti di vita personalizzati dove le diverse competenze, preferenze e caratteristiche individuali diventino un valore aggiunto per la persona e per la comunità”.

gus/ram

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

invecchiamento attivo
Ammontano a 4 milioni di euro le risorse messe a disposizione da Regione Lombardia per fa ...
bresso bus disabili
Grazie a Regione Lombardia, l'ASD GS Bresso 4 ha ricevuto un nuovo bus attrezzato per il trasporto di persone con limitata mobilità. Il mezzo è stato c ...
donne protocollo violenza
È stato firmato in Prefettura a Milano il nuovo protocollo fra Regione Lombardia e Prefetture per il
alloggi donne vittime violenza
Sono 23 gli alloggi che verranno messi a disposizione delle donne vittime di violenza a Milano e provincia. L'iniziativa rientra nel

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima