Suinicoltura, Rolfi: valori sotto prezzo produzione. Servono fondi Governo

suinicoltura effetti economici covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“In Lombardia 4,5 milioni di suini, il 52% del dato nazionale. Usare fondo per filiere in crisi”

“La suinicoltura è uno dei settori più colpiti dagli effetti economici del Covid. Le quotazioni del suino italiano Dop sono ampiamente sotto i costi di produzione. La Lombardia è la prima regione italiana per numero di suini allevati. Chiediamo al Governo risposte rapide e fondi specifici per il settore”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in merito alla crisi del settore suinicolo.

Vertice urgente tra Governo e Regioni

“Serve un vertice urgente tra Governo e Regioni – ha aggiunto – per impegnare immediatamente i 2 milioni di euro stanziati nel decreto del 7 aprile sul fondo suinicolo nazionale”. “Risorse di bilancio del 2019 e 2020 – ha detto – disponibili con enorme ritardo a causa dei rallentamenti del Governo per approvare il provvedimento. Si tratta di fondi dedicati alla promozione e alla valorizzazione dei prodotti suinicoli, in particolare dei prosciutti Dop, sia sul mercato interno che all’estero”.

Stanziamenti specifici

“Occorre inoltre dedicare al comparto – ha spiegato l’assessore – stanziamenti specifici derivanti dal fondo destinato alle filiere in crisi che dovrebbe trovare allocazione nell’atteso decreto rilancio”.

Le nostre proposte in attesa di risposta

“Abbiamo inoltrato – ricorda l’assessore Rolfi – molte proposte al Governo. A distanza di un mese attendiamo ancora i riscontri: servono una deroga sui disciplinari per quanto riguarda il peso dei suini e risorse aggiuntive per la riconversione di prodotto marchiato a prodotto smarchiato o a cotto per alleggerire l’eccesso di produzione che non trova collocazione a causa della chiusura del settore alberghiero e della ristorazione. Se non ci sono investimenti, rischiamo il tracollo di una filiera strategica per il Made in Italy“. “Faccio un appello – ha concluso Rolfi – anche all’intero comparto, affinché si superino le divisioni e si lavori di squadra per garantire il rilancio della suinicoltura italiana”.

Il numero dei suini allevati in Lombardia

Ecco il dettaglio dei capi suddiviso per province:

Bergamo 297.011
Brescia 1.356.038
Como 2.148
Cremona 969.149
Lecco 4.269
Lodi 356.688
Mantova 1.190.459
Milano 77.929
Monza e Brianza 3.504
Pavia 233.078
Sondrio 1.834
Varese 1.018

TOTALE Lombardia 4.493.125 (52,9% del totale nazionale)

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

fondo eccellenze lombardia
"Il Fondo per le eccellenze lanciato  dal Governo è un'ottima soluzione per promuovere e sostenere la storia e la qualità del nostro patrimonio agroalimentare. Rappresenta una grande occasione d ...
ospedale in fiera fedez
In merito alle dichiarazioni rilasciate dal cantante Fedez sull'ospedale in Fiera di Milano ...
fiera cremona 2023
"L'eccellenza raggiunta dall'agricoltura lombarda è certificata da questa fiera che rappresenta il massimo della visione che questo settore ha del lavoro e dell'etica del lavoro. Qui si vede la vo ...
peste suina nel pavese
La Commissione europea ha ufficializzato un allentamento delle restrizioni che interessavano 172 Comuni della provincia di Pavia in seguito ai focolai di PSA-Peste ...
bando frantoi
Aprirà lunedì 6 novembre il bando regionale dedicato all'ammodernamento dei frantoi oleari< ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima