Filiere corte, 1,5 milioni per rapporto diretto produttore-consumatore

filie corte
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Rolfi: fondi per 14 progetti, ne beneficiano 27 aziende

“Necessario accorciare filiera in tempi di Covid”

La Regione Lombardia, nell’ambito del Piano di sviluppo rurale, ha destinato 1,5 milioni di euro a 27 imprese agricole lombarde, per l’operazione ‘Filiere corte‘. Per filiera corta, infatti, si intende un’aggregazione di imprese agricole che si organizza per vendere direttamente i propri prodotti o che si affida a un unico intermediario per raggiungere il consumatore finale.

Promuoviamo cooperazione tra aziende

“Con queste risorse – ha dichiarato Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia – intendiamo promuovere la cooperazione tra aziende al fine di ridurre i passaggi tra produttori e consumatori. Soprattutto in periodo Covid è necessario introdurre tecnologie che facilitino la vendita diretta”. “Questo – ha aggiunto – consente anche alle imprese di migliorare la programmazione produttiva e la concentrazione dell’offerta e sviluppare modalità di vendita e promozione che favoriscano il contatto diretto con l’acquirente finale”. “La Lombardia – ha ricordato – è la prima regione agricola d’Italia ed è per noi fondamentale promuovere in maniera innovativa i nostri prodotti al fine di diffondere la nostra cultura agricola, la sicurezza alimentare che i nostri agricoltori sanno garantire e migliorare la redditività delle aziende”.

Finanziamento per 14 progetti

Sono stati finanziati 14 progetti (14 aziende capofila + 13 partner) volti a: ridurre le fasi di intermediazione commerciale in modo da migliorare la competitività delle imprese agricole nella filiera agroalimentare e collegare maggiormente produttore agricolo e consumatore; ridurre la distanza geografica percorsa dai prodotti agroalimentari e migliorare la sostenibilità ambientale, la sicurezza, la qualità, oltre a promuovere le produzioni locali; orientare le imprese alla domanda del mercato, sviluppando modalità di vendita diretta nuove e diversificate, con lo scopo di aumentare le potenzialità di vendita.

Acquisto diretto dal produttore

“Il 40% degli italiani – ha detto l’assessore – acquista già generi agroalimentari direttamente dal produttore locale, scegliendo distintività, territorio, qualità e sicurezza alimentare. E due italiani su tre, infatti, sono propensi a utilizzare in misura crescente app e siti per l’acquisto online e la consegna a domicilio di questi prodotti”. “La Regione Lombardia – ha proseguito – vuole guardare quindi al futuro finanziando anche nuove tecnologie. Ciò per abbattere le intermediazioni tra produttore e consumatore, come piattaforme online di vendita dei prodotti agricoli”. “Ridurre infatti le fasi di intermediazione commerciale – ha concluso Rolfi – significa ragionare di filiera per essere più forti sul mercato e razionalizzare le risorse nel modo migliore”.

Riparto dei fondi

Di seguito, l’elenco dei progetti finanziati suddivisi per provincia, realtà capofila e importo stanziato:

Bergamo
  • 100% Val Taleggio – capofila Sant’Antonio in Val Taleggio – 75.000 euro.
Brescia
  • Spesa facile tra sapori genuini – capofila Cissva Caseificio sociale Vallecamonica e Sebino – 207.000 euro.
  • La bottega contadina – capofila Azienda agricola Pratello – 247.000 euro.
  • I contadini in città – Azienda agricola Leonardo di Elisa e Nadia Turelli – 195.000 euro.
Como
  • Il mercato in bottega – capofila Società agricola La Runa – 43.000 euro.
  • Kilometrolariano – capofila Società agricola Agostinelli – 148.000 euro.
  • Dal produttore al consumatore – capofila Luca Tagliabue – 28.000 euro.
Cremona
  • Kilometroduepuntozero – capofila Alessandra Lupo – 41.000 euro.
Mantova
  • La tua spesa in fattoria – capofila Consorzio agrituristico mantovano Verdi terre d’acqua – 95.000 euro.
  • Promozione e tracciabilità della carne bovina lombarda – Consorzio Lombardo produttori carne bovina – 56.000 euro.
Milano
  • Buono&Vicino – capofila Produttori agricoli Parco Ticino – 68.000 euro.
Sondrio
  • TerrAtipica – capofila Latteria Sociale Valtellina – 90.000 euro.
  • Sottosopra – capofila Latteria sociale Chiuro – 102.000 euro.
  • Il contadino a casa tua – capofila Emanuele Ambrosini – 28.000 euro.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 26 gennaio 2023. Ricoverati in terapia inte ...
coronavirus casi Lombardia
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 2 febbraio 2023. Ricoverati in terapia inte ...
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 29 dicembre 2022. Ricoverati in terapia int ...
primi tamponi voli cina
"L'esito del sequenziamento dei primi tamponi effettuati ai passeggeri dei voli in arrivo dalla Cina a Malpensa - ha dichiarato il presidente di Regione Lombardia - ci rassicura. I ...
fontana tamponi covid cina
"Accogliamo con soddisfazione l'ordinanza con la quale il ministro Schillaci ha disposto l' ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima